Parkinson: per la prima volta un farmaco ferma la malattia

Farmaco ferma la malattia

Entusiasti i ricercatori inglesi che hanno messo a punto questi test, ma l'invito è quello alla cautela. Servono infatti nuovi studi

Fermare la progressione della malattia di Parkinson con un farmaco usato nella terapia contro il diabete di tipo 2. La notizia arriva da una sperimentazione condotta dalla University College di Londra, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica the Lancet.

La sperimentazione 

I test sono stati svolti su 62 pazienti suggeriscono che il farmaco sia capace di fermare la malattia. I ricercatori si sono detti entusiasti, anche se occorre utilizzare cautela perché servono nuovi ulteriori studi.

Cosa avviene con il Parkinson 

Nel Parkinson il cervello viene progressivamente danneggiato e le cellule che producono la dopamina vengono perse. Porta a tremori, difficoltà di movimento ed infine a problemi di memoria. Le terapie utilizzate finora permettono di migliorare i sintomi, aumentando i livelli di dopamina, ma le cellule del cervello continuano a morire e la malattia a peggiorare.

La ricerca inglese 

Nella sperimentazione alla metà dei volontari è stato somministrato dell’exenatide, che è appunto un farmaco usato nella cura del diabete. L’altra metà invece ha assunto un placebo. Nelle successive 48 settimane chi aveva assunto il farmaco aveva fermato la malattia, mentre in chi aveva preso il placebo la progressione era continuata.

Ora servono nuovi studi che durino più a lungo e che coinvolgano più pazienti.

Perché questo farmaco sembrerebbe funzionare

Questo farmaco aiuta a tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue di chi soffre di diabete, attivando l’ormone GLP-1, che si trova anche nei neuroni. È un ormone prodotto dall’intestino che stimola la secrezione di insulina e inibisce la secrezione di glucagone da parte del pancreas. Si pensa che questo farmaco quindi aiuti le cellule cerebrali a lavorare meglio.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Parkinson colpisce sempre più giovani: ecco i sintomi

Parkinson: un orologio rileva la malattia in 10 secondi

Sogni agitati? Potrebbero preannunciare il Parkinson

Parkinson: tutto sulle terapie

Chiedi un consulto di Neurologia
CONDIVIDI