Raffreddore: ecco i cibi che ti aiutano a prevenirlo

Puoi potenziare le difese immunitarie scegliendo gli alimenti che apportano le sostanze in grado di tenere alla larga gli agenti patogeni. Ecco quali sono

Previeni i malanni
portando in tavola i cibi giusti

Potenziare “naturalmente” le proprie difese immunitarie si può, basta portare in tavola gli alimenti giusti, in grado di apportare all’organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno per un corretto funzionamento. In linea generale, bisogna limitare i cibi eccessivamente zuccherati e quelli ricchi di grassi saturi e consumare con costanza cinque porzioni di frutta e verdura al giorno.

Continua a sfogliare la gallery per scoprire quali sono i cibi che non possono mancare sulla tavola in questo periodo e che ci aiutano a prevenire raffreddore e influenza.

Salmone

Il salmone è un ottimo alleato della nostra salute, soprattutto in questa stagione. Questo, infatti, è un pesce ricco di vitamina D che, stando a uno studio condotto dalla Queen Mary University di Londra e pubblicato sul British Medical Journal, è in grado di proteggere dalle infezioni delle vie respiratorie stimolando la produzione di antimicrobici nei polmoni.

Carote, zucca e tuorli

Carote, zucca, patate e tuorli d’uovo sono particolarmente ricchi di betacarotene, il precursore della vitamina A che stimola il sistema immunitario e aiuta le cellule a mantenersi in salute.

Frutta secca

La frutta secca (noci e mandorle soprattutto) non possono assolutamente mancare perché è ricca di vitamina E, utilissima per aiutare l’organismo a rispondere più prontamente agli attacchi dei patogeni esterni.

Funghi

I funghi sono ricchi di selenio, che stimola i globuli bianchi nella produzione delle citochine, cioè molecole proteiche, e di betaglucano, che attiva i globuli bianchi responsabili della difesa contro le infezioni. Non solo: il betaglucano, che è un immunostimolante, favorisce la rigenerazione dei tessuti danneggiati.

Kiwi

Il kiwi è il frutto che contiene più vitamina C: basti pensare che in 100 grammi di prodotto se ne trova addirittura 85 milligrammi. Ovviamente, per fare incetta di questo prezioso nutriente, possiamo portare in tavola anche arance, mandarini e fragole. Il motivo? La vitamina C potenzia le nostre difese immunitarie e aiuta le cellule a difendersi con maggiore efficacia dal raffreddore e dai virus dell’influenza.

Yogurt

Da consumare a colazione o come spuntino a metà pomeriggio, lo yogurt contiene i probiotici, come ad esempio bifidobatteri e lattobacilli, che agiscono a livello del sistema di difesa naturale presente nell’intestino che, grazie alla colonizzazione di questi batteri buoni, può scatenarsi contro virus e batteri patogeni.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Raffreddore: ecco i rimedi naturali

Casa anti-raffreddore: come “bonificare” l’abitazione per prevenire i malanni

A chi e a cosa servono davvero i probiotici?

Vitamina D: fabbisogno, benefici e falsi miti

 

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • Chiedi un consulto di Nutrizione
    CONDIVIDI