NewsSaluteUrologia

Tumore alla vescica: ecco quali cibi riducono scientificamente il rischio

L'Istituto Nazionale dei Tumori conferma che il rischio di malattia si riduce con un consumo di cibi ricchi di isoflavoni e flavoni

Se prima era solo un’ipotesi, ora arriva la conferma: un consumo elevato di cibi ricchi di flavonoidi riduce il rischio di tumore alla vescica. A dirlo è un’analisi dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT), condotta su uno studio multicentrico italiano che include 690 casi di carcinoma vescicale e 665 controlli ospedalizzati per malattie acute, non neoplastiche e non legate al fumo.

Lo studio dell’INT

Gli individui coinvolti nella ricerca sono stati intervistati utilizzando un questionario di frequenza alimentare: raccolti questi dati, gli specialisti hanno stimato l’assunzione nella dieta delle sei classi più comuni di flavonoidi, cioè isoflavoni, antocianidine, flavan-3-oli, flavanoni, flavoni e flavonoli.

Gruppo San Donato

Perché proprio i flavonoidi?

I flavonoidi sono sostanze antiossidanti, il cui effetto anticancerogeno è ormai comprovato da tempo. Possono, infatti, modulare molti processi biologici di un tumore, come l’apoptosi, la vascolarizzazione, la differenziazione e la proliferazione delle cellule. Questi composti provengono da prodotti di origine vegetale, come verdura, frutta, tè e vino rosso.

Speciale esami del sangue: la guida completa

Il legame tra flavonoidi e tumore alla vescica

Dai risultati dell’analisi, pubblicata su Cancer, Causes & Control, è emersa «una riduzione significativa del rischio di tumore della vescica del 44% negli individui che osservavano l’assunzione maggiore nella dieta di isoflavoni e del 36% nelle persone con un’elevata assunzione di flavoni, rispetto ai soggetti con il consumo più basso» conferma Valentina Rosato, autrice dello studio e ricercatrice dell’Unità di Statistica Medica e Biometria dell’Istituto Nazionale dei Tumori. Per le altre classi di flavonoidi non si è riscontrata, invece, un’associazione significativa con il rischio di cancro della vescica. «È biologicamente plausibile un possibile effetto dei flavonoidi sul tumore della vescica: l’urina, infatti, è una via importante per l’escrezione di flavonoidi e dei loro metaboliti e questi componenti bioattivi dietetici sono di conseguenza a diretto contatto con la mucosa della vescica» aggiunge la specialista.

L’incontinenza può essere sintomo del tumore alla vescica?

Gruppo San Donato

Isoflavoni e flavoni: dove si trovano?

Isoflavoni e flavoni sono in grado di ridurre il rischio di andare incontro al tumore alla vescica. Ma dove si trovano? I primi sono contenuti in latte e zuppe a base di soia, lenticchie, ceci e fagioli, mentre i secondi sono presenti in spinaci, bietole, e vino rosso.

Sono necessari nuovi studi

Quello dell’INT è certamente un traguardo importante ma, considerata l’esigua evidenza scientifica sulla relazione tra i composti polifenolici e il tumore della vescica, sono necessari altri studi epidemiologici per confermare le evidenze di questo lavoro.

In questo articolo

Leggi anche…

None found

Correlati

Back to top button
Gruppo San Donato