Nuotare in acque aperte fredde allevia il dolore cronico

Acque aperte fredde

I ricercatori hanno spiegato che una breve nuotata in acque fredde è un'alternativa ai farmaci antidolorifici e alla fisioterapia. Ma attenzione, non è per tutti

Un uomo che soffriva di dolore cronico dopo un’operazione chirurgica si è “curato” nuotando in acque aperte fredde. Il suo caso è stato studiato dall’Università di Cambridge.  La storia è stata pubblicata sulla rivista scientifica British Medical Journal Case Reports.

L’uomo era un atleta

Il giovane di 28 anni, che soffriva di dolore post operatorio, aveva raccontato come il dolore fosse sparito dopo aver nuotato in acque aperte fredde. Le cure tradizionali invece non avevano funzionato, se non in minima parte.

Il limite di questo sistema è però che nuotare in acqua fredda non è per tutti. L’uomo in questione era un atleta.

La sua esperienza: «Credevo di morire, poi è stato bellissimo»

Ha raccontato di essere tuffato da uno scoglio e di aver nuotato per un minuto. «Ho pensato che l’acqua fosse così gelida che sarei morto – ha spiegato – ma per la prima volta da mesi mi sono dimenticato del dolore. Pensavo solo al fatto che se non avessi continuato a nuotare avrei perso conoscenza. Dopo pochi istanti però è stato magnifico. In qualche senso ho fatto un bagno di adrenalina. Quando sono uscito dall’acqua per la prima volta non avevo più dolore. Non potevo crederci».

Già da tempo in realtà i medici dello sport utilizzano i bagni di acqua fredda per alleviare i dolori da incidenti.

Ma perché succede?

Lo shock di entrare in acqua fredda e la paura di affogare possono indurre a una forte attività del sistema nervoso che può portare a un’alterazione della percezione del dolore.

Attenzione, però…

Nuotare in acque aperte fredde abbassa di molto la temperatura del corpo, così la muscolatura e gambe e braccia diventa più debole. Quando questo avviene diventa difficile uscire dall’acqua.

Se non ci si limita a entrare per pochi istanti per poi riuscire subito da acque fredde, è consigliabile utilizzare una muta.

Molto meglio entrare piano in acqua fredda, invece di tuffarsi e nuotare in prossimità della costa.

Si consiglia di preparare degli abiti caldi da indossare appena si esce.

Brividi e denti che battono sono i primi sintomi di ipotermia. Se succede, bisogna uscire immediatamente dall’acqua.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Meditazione e respiro profondo placano l’ansia

Meditazione efficace come i farmaci contro la depressione

Yoga e meditazione spengono il gene dell’infiammazione

Terapia del dolore senza farmaci con meditazione e autoipnosi

 

Chiedi un consulto