CervelloSalute

Svapare e fumare insieme raddoppia il rischio di ictus

La maggior parte delle persone che fuma sigarette elettroniche continuano a fumare anche quelle tradizionali

Svapare e fumare insieme, come del resto fa la maggior parte di chi usa le e-cig. In molti sono convinti che usare le sigarette elettroniche insieme a quelle tradizionali limiti i danni di quest’ultime. Uno studio dimostra che è vero il contrario. Sono intanto molti le ricerche che si stanno occupando delle e-cig, che evidenziano sia lati positivi, sia quelli negativi del loro uso.

Svapare e fumare insieme: 160.000 le persone coinvolte nell’indagine 

Svapare e fumare insieme più pericoloso che fumare? È quanto sostiene un imponente studio che ha coinvolto 160.000 persone negli Stati Uniti. La ricerca è stata condotta dalla George Mason University a Fairfax, negli Stati Uniti. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica the American Journal of Preventive Medicine.

I ricercatori in forza all’ateneo nord americano hanno esaminato dati dal Behaviour Risk Factor Surveillance System, un’indagine annuale sugli stili di vita che mettono a rischio la salute degli americani.

Svapare e fumare insieme: più rischioso per l’ictus, che fumare e basta

L’équipe di scienziati ha analizzato più di 160.000 persone che fumavano e/o svapavano con un’età tra i 18 e i 44 anni, la maggior parte delle quali erano uomini. I risultati hanno dimostrato che il tasso di probabilità di un evento cardiovascolare per i fumatori era di 1,59. Per chi fumava e svapava contemporaneamente il tasso era di 2,91.

Il fumo di sigaretta è tra i fattori di rischio più importanti per l’ictus. Gli altri sono l’ipertensione, il diabete, il sovrappeso, la sedentarietà, l’età e la predisposizione familiare.

Gruppo San Donato

I risultati dello studio 

Lo studio smonta la convinzione che hanno in molti che sia conveniente per la salute limitare il numero di sigarette tradizionali, usando anche quelle elettroniche. In realtà le probabilità di avere un ictus salgono.

Negli Stati Uniti si riflette sul bando delle e-cig 

Negli Stati Uniti molti liquidi con gli aromi che vengono aspirati con le sigarette elettroniche sono già stati vietati, dopo le preoccupazioni esplose per la morte di decine di persone per malattie legate all’uso delle e-cig. Uno studio americano ha dimostrato che alcuni aromi delle sigarette elettroniche siano in grado di danneggiare le cellule che rivestono i vasi sanguigni e quindi anche la salute del nostro cuore.

Svapare e fumare insieme: la situazione in Italia 

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto superiore di sanità (Iss), in Italia ci sono 12,2 milioni di fumatori. Poco più di un milione, invece, fuma sigarette elettroniche. Tutti ex fumatori? Non proprio. La maggior parte (75,3%) sono consumatori duali, cioè fumano sia sigarette tradizionali sia l’e-cig, in particolare quella contenente nicotina.

Un’indagine Doxa rivela che il 13,8% di chi usa la sigaretta elettronica dichiara di aver ridotto solo leggermente il consumo di quelle tradizionali, il 34,9% non ha cambiato abitudine, per il 10,4% è stato il veicolo per iniziare a fumare e l’11,7% ha ripreso del tutto il consumo della sigarette normali.

Leggi anche…

None found

Correlati

Back to top button
Gruppo San Donato