Celiachia: un’infezione virale potrebbe “accenderla”

celiachia

Uno studio italiano ha dimostrato che la risposta immunitaria all'aggressione dei virus può favorire la comparsa della celiachia nelle persone già predisposte

Un’infezione virale potrebbe “accendere” la celiachia. Ciò è quanto emerge da uno studio condotto dall’Università Federico II di Napoli e promosso dalla Fondazione Celiachia che, per la prima volta, ha dimostrato che i virus possono innescare una reazione autoimmune che può portare alla comparsa della celiachia negli individui predisposti. 

La celiachia

La celiachia è una malattia autoimmune causata dall’ingestione di glutine che, nelle persone predisposte, attiva una reazione anomala delle difese immunitarie. Queste ultime si “ribellano” alle proteine del glutine, danneggiando le pareti dell’intestino e provocando la sintomatologia caratteristica della patologia. «Con il nostro progetto abbiamo voluto capire se fra la risposta al glutine e quella ai virus ci sono similitudini e soprattutto se queste possono sommarsi» precisa Riccardo Troncone, professore del Dipartimento di Scienze mediche traslazionali dell’Università Federico II di Napoli.

La ricerca

Lo studio, durato tre anni, è stato condotto su linee cellulari e biopsie di pazienti. Dai dati raccolti è emerso che nell’intestino dei celiaci ci sono più molecole tipiche della risposta immunologica innata, che è la stessa che ci difende dalle infezioni virali. «Abbiamo compreso che il peptide della gliadina P31-43, che si trova nel glutine e resiste alla digestione intestinale, attiva l’immunità innata così come le proteine dei virus: queste molecole possono perciò agire in sinergia. Questi dati indicano che le proteine presenti nel glutine, insieme a quelle virali, possono simulare e potenziare la risposta immunitaria innata ai virus, contribuendo a innescare la celiachia in soggetti geneticamente predisposti».

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Celiachia: conosci tutti i campanelli d’allarme?

Celiachia: ecco la guida completa

Celiachia: mangiando il riso si rischia qualcosa?

Dieta senza glutine: più rischi che benefici se non si soffre di celiachia

 

Chiedi un consulto di Gastroenterologia