Pizza: sai come si prepara una margherita a regola d’arte?

Giorgio Sabbatini, il campione europeo di pizza classica, suggerisce la ricetta perfetta

La vera margherita 

Vuoi preparare una pizza margherita in casa, buona e sana come quella delle migliori pizzerie di Napoli? Giorgio Sabbatini, campione mondiale ed europeo di pizza classica e responsabile ricerca e innovazione per il progetto Pizza in Love It, il primo experience store dedicato a promuovere il made in Italy, spiega quali sono gli ingredienti e i condimenti giusti e la ricetta.

Ingredienti

Ingredienti dell’impasto per 4 pizze:
• 350 g di farina di grano tenero tipo 0
• 150 g di farina tipo 1 o tipo 2 macinata a pietra
• 275 g di acqua
• 15 g di olio extravergine di oliva
• 15 g di sale, meglio se integrale
• 5 grammi di lievito a cubetti.

Preparazione

Miscela le farine, unisci 250 g d’acqua, il lievito e amalgama il tutto, poi aggiungi il sale in precedenza sciolto in un po’ d’acqua, lavora l’impasto, quindi aggiungi l’olio, continuando a impastare sino a ottenere una pasta morbida e liscia a cui darai la forma di palla, che andrà coperta con un canovaccio da cucina e fatta riposare per circa 10 minuti. Poi impasta ancora un po’, lascia la pasta coperta per altri 20 minuti a temperatura ambiente, quindi suddividila in 4 pagnottelle che riporrai in frigorifero a +4 °C per 24 ore. Il giorno dopo tira fuori dal frigo almeno 3 ore prima della cottura e lascia lievitare a temperatura ambiente. A questo punto accendi il forno a 250 °C e, mentre si scalda, su una teglia (meglio se tiepida) unta con poco olio stendi delicatamente l’impasto, aggiungi il pomodoro e metti a cuocere per 5 minuti, impostando il calore sia dall’alto sia dal basso. Estrai dal forno, aspetta un momento per far uscire l’umidità e, una volta aggiunti gli altri
ingredienti e un filo d’olio, cuoci ancora in forno con temperatura tra i 200 e i 220 °C per altri 4 minuti con il calore solo dall’alto.

Condimenti

Per ridurre le calorie senza penalizzare il gusto Sabbatini suggerisce una salsa di pomodori San Marzano Dop, che regala al palato la giusta gratificazione con sole 23 calorie per 100 grammi, e una manciata di mozzarella di latte vaccino tagliata a dadini (meglio evitare la mozzarella di bufala, troppo calorica e che, rilasciando più acqua, riduce la croccantezza della pasta). Per chi ama sperimentare nuovi abbinamenti, una valida alternativa light alla mozzarella si traduce nei fiocchi di latte che, tra l’altro, si sposano molto bene con verdure e abbinamenti insoliti come il pesce.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Sai che esiste una pizza che previene i tumori?

Soffri di disturbi intestinali? Ecco quale pizza puoi mangiare

Pizza patrimonio dell’Unesco, ok anche per la salute

Pizza: chi deve limitarne il consumo?

Chiedi un consulto di Nutrizione