Pelle arrossata? Prova l’estratto d’avena

Prova una crema dall'effetto lenitivo, idratante e riparatore che favorisce la rigenerazione cutanea

Il primo consiglio è
sempre di prevenzione

Sensazione di bruciore, pelle molto arrossata e ipersensibile al tatto e ai tessuti: sono il pegno da pagare dopo un’eccessiva o scorretta esposizione al sole. «Meglio prevenire il problema, usando il filtro solare adatto al proprio fototipo (scopri qui come sceglierlo) o comunque prodotti ad alta protezione: 50 per i primi giorni, per poi passare a 30» suggerisce il farmacista Paolo Antonacci.

Integratori al betacarotene

«In più, se si sa di avere una pelle particolarmente sensibile ai raggi solari, almeno un mese prima delle vacanze o anche di un fine settimana all’aria aperta, si possono assumere integratori a base di betacarotene che stimolano la produzione di melanina da parte del corpo, favorendone così una distribuzione uniforme e impedendo la formazione di macchie» continua il farmacista.

Creme con estratto di avena

Quando però il danno è fatto, magari perché in una giornata fresca e nuvolosa si sono sottovalutati gli effetti del sole, il farmacista consiglia di intervenire sia con uno spray a base di benzocaina, anestetico che procura immediato sollievo, sia con creme contenenti ad esempio betaglucano ed estratto di avena, dall’effetto lenitivo, idratante e riparatore. «Applicate più volte al giorno, favoriscono la rigenerazione cutanea e svolgono un’azione riparatrice dei danni provocati dai raggi ultravioletti» spiega Antonacci. «Ottimi anche i prodotti, sempre in crema o spray, con acido ialuronico ed estratto di avena colloidale».

 Detergenti lenitivi

«Per la detersione in caso di pelle arrossata dal sole, vanno fatte docce o bagni con acqua fresca o appena tiepida, mai calda, usando detergenti molto lenitivi a base di estratti di aloe, pantenolo, avena e vitamina E. Da evitare quelli molto schiumogeni o la classica saponetta. Quando il bruciore è molto intenso – conclude il farmacista – persistente e ci sono altri sintomi come gonfiore, conviene rivolgersi al medico».

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Quattro consigli da seguire se fai sport sotto il sole

Cuoio capelluto: ecco cosa rischi se si scotta

Raggi ultravioletti: 5 consigli per proteggere la pelle “dall’interno”

Capelli: come proteggerli da sole, mare e vento

Chiedi un consulto