In coppiaNewsSessualità

Sai capire se stai frequentando uno “psicopatico”?

Arriva, ti sconvolge la vita, ti isola dai tuoi amici e dalla tua famiglia. Ecco tutte le sue caratteristiche

Bugiardo patologico

Il primo tratto dello psicopatico è la tendenza a essere un bugiardo cronico. Mente e mente su tutto, anche su ciò che non è rilevante. Mente per raggiungere il suo scopo, qualsiasi sia. Naturalmente non si sta parlando di uno psicopatico con problemi psichiatrici, ma di una persona che può comunque rovinarti la vita.

Gruppo San Donato

Lo psicopatico è un abile stratega

Lo psicopatico è un abile strategaSembra facile scoprirlo, ma non lo è. Lo psicopatico è un ottimo stratega e pianifica molto bene le sue menzogne. Racconta le cose con grande fascino.

Ha una grande autostima

Grande autostimaUn altro tratto tipico è la grande autostima. Anche se fai un lavoro prestigioso, ad esempio, farà in modo di farti sentire inutile in confronto a lui. Distruggerà la tua autostima poco alla volta fino ad avere il totale controllo.

Lo psicopatico è un manipolatore

È un attento osservatore del comportamento delle altre persone. Sa carpire ogni debolezza e la usa a suo favore. Se non riesce nel suo scopo diventa pieno di rabbia, ma torna presto a controllarsi e a essere molto affettuoso.

Non ha senso di colpa né rimorso

Lo psicopatico non ha senso di colpa né rimorsoNessun rimorso per le sue azioni e tanto meno senso di colpa. Inutile cercare di cambiarlo. Lo psicopatico è fatto così. Una ricerca con immagini scansionate del cervello di psicopatici ha dimostrato che non sentono in alcun modo il rimorso o il senso di colpa.

Gruppo San Donato

Cerca di essere empatico

Pur non essendolo, cerca di entrare in empatia. Non riuscendoci può dare in escandescenze.

Lo psicopatico punta a isolarti

Punta a isolartiUn altro dei segnali tipici che ne stai frequentando uno è l’isolamento sociale. Non è raro che dica cose imbarazzanti quando ci sono i tuoi amici o i tuoi colleghi di lavoro. Ti dirà che loro parlano male di te, che non ti stimano, che non valgono quanto vali tu.

Fonte: The Conversation

Leggi anche…

None found

Back to top button
Gruppo San Donato