La felicità di coppia

Cosa non dovrebbe mai mancare in una coppia per essere davvero felice? Per l'esperto di OK Giuseppe Lavenia la prima cosa da fare è provare sempre a dire qualcosa di carino e gentile all’altro.

20 marzo, Giornata mondiale della felicità che dedichiamo alla coppia, insieme a Giuseppe Lavenia, psicologo, psicoterapeuta, specializzato in Terapia di coppia e della famiglia. È responsabile del centro clinico Salus e docente di Psicologia della salute e Nuove dipendenze dell’Università di Chieti (puoi chiedergli un consulto qui) .

La felicità di coppia si può costruire?

Ci sono alcuni punti fondamentali che non dovrebbero mai mancare all’interno di un sano ed equilibrato rapporto di coppia. Conoscendoli, si può imparare a impegnarsi nella costruzione di una relazione che sia il più possibile gratificante e soddisfacente. È un lavoro e un impegno costante, giorno dopo giorno, anno dopo anno. La prima cosa è provare sempre a dire qualcosa di carino e gentile all’altro. Darsi per scontati, soprattutto dopo molti anni di vita insieme, è l’anticamera di insoddisfazioni e incomprensioni.

Qual è il primo passo?

La coppia dovrebbe passare da 1+1=2 a 1+1=3. Il numero tre sta a indicare qualcosa in più di due individui che stanno insieme, è un’entità a se stante: è la creazione della coppia. La creazione del Noi.

La sincerità è tutto?

La sincerità è importante, ma la coerenza viene prima di tutto. Se si è cambiati, se si hanno nuove aspettative o desideri, bisogna comunicarlo al partner, aprirsi, non nascondersi dietro al silenzio, altrimenti un giorno inevitabilmente ci sentiremo dire: sei cambiato! Una volta non eri così! Bisogna avere il coraggio di dirsi in faccia le cose, anche quelle che potrebbero ferire o mettere a disagio.

Riconoscere i propri errori. Quando si sbaglia, lo si deve ammettere senza mezzi termini e impegnarsi a non farlo più. D’altro canto bisogna anche imparare a perdonare, a non rinfacciare i torti subiti, bisogna saper girare pagina e superare i tradimenti, di qualsiasi tipo essi siano.

Che cosa non dovrebbe mai mancare?

Il conflitto, che è il motore del cambiamento, è indice di crescita, proprio come la febbre che permette al corpo e al suo sistema immunitario di rafforzarsi. Se non c’è conflitto, la coppia è prossima alla separazione nella maggior parte dei casi. La passione è importante, bisogna alimentarla e anche se il tempo passa e la bellezza esteriore svanisce si deve coltivare il fascino interiore, puntare ad altre qualità. La sessualità è l’elemento massimo, è l’indicatore del funzionamento di una coppia, è il momento di condivisione per eccellenza, senza l’intimità una coppia non può dirsi tale.

Quanto è importante avere un progetto comune?

È fondamentale. La coppia deve prestare attenzione agli interessi dell’altro, e deve avere degli obiettivi da raggiungere, siano essi dei figli, o un progetto lavorativo o altro. Ci deve essere motivazione e ricavare dei benefici da questi obiettivi. Il progetto di coppia, però, deve anche saper cambiare all’occorrenza e adattarsi alle nuove esigenze, ai nuovi interessi e bisogni.

Eliana Canova

Il divorzio ti toglie il sonno? Occhio alla pressione

A 50 anni ancora ‘figlio di mammà’

Il vero amore è una questione di cervello: per scoprirlo basta una risonanza magnetica

Innamorati a San Valentino: la scienza del bacio

Chiedi un consulto di Psicologia
CONDIVIDI