Salute

Vaiolo delle scimmie: nessun contagio per via aerea finora

La più importante istituzione sanitaria degli Stati Uniti sostiene che in nessuno dei casi conosciuti la trasmissione sia avvenuta respirando l'aerosol emesso da una persona infetta

Nessuna segnalazione di diffusione del vaiolo delle scimmie respirando le particelle di saliva emesse dalle persone infette. Ad affermarlo sono i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie in un nuovo focus sulla malattia. I CDC hanno confermato che possa diffondersi attraverso saliva o secrezioni respiratorie durante il contatto faccia a faccia. Queste secrezioni però “cadono rapidamente dall’aria” e gli studi hanno scoperto che questo metodo di trasmissione sembra raro.

Diffusione del vaiolo delle scimmie: nessun caso di contagio per via aerea

A differenza di altre malattie virali come il Covid-19 e il morbillo, il virus del vaiolo delle scimmie non è soggetto a “trasmissione per via aerea”, che coinvolge piccole particelle che indugiano nell’aria o si diffondono nelle correnti d’aria, osserva il CDC. “Nei casi in cui le persone che hanno il vaiolo delle scimmie hanno viaggiato in aereo, non si sono verificati casi noti nelle persone sedute intorno a loro, anche su lunghi voli internazionali”.

Sì alla mascherina per le persone infette, chi vive con loro e il personale medico

L’agenzia raccomanda che le persone infette indossino una mascherina se devono incontrare altre persone. Soprattutto se è probabile un contatto stretto e faccia a faccia.
Stessa raccomandazione anche per gli operatori sanitari e altre persone che potrebbero essere a stretto contatto con una persona infetta.

Le precedenti linee guida del CDC avevano affermato che indossare una mascherina poteva aiutare a proteggere i viaggiatori dal vaiolo delle scimmie. L’avviso è stato cancellato lunedì sera perché “ha causato confusione”.

Diffusione del vaiolo delle scimmie: come avviene di solito il contagio?

Il virus si diffonde principalmente attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei o le piaghe di una persona infetta. Lo stesso può accadere con materiali contaminati come la biancheria. I ricercatori stanno ancora indagando altri potenziali metodi di trasmissione come il contatto con lo sperma di una persona infetta o il contatto con una persona infetta che non presenta sintomi.

Gruppo San Donato

Il CDC ha segnalazioni di 1.356 casi confermati in 31 paesi in cui il virus non è endemico.

Leggi anche…

Gruppo San Donato

Francesco Bianco

Giornalista professionista dal 1997, ha lavorato per il sito del Corriere della Sera e di Oggi, ha fatto interviste per Mtv e attualmente conduce un programma di attualità tutte le mattine su Radio LatteMiele, dopo aver trascorso quattro anni nella redazione di Radio 24, la radio del Sole 24 Ore. Nel 2012 ha vinto il premio Cronista dell'Anno dell'Unione Cronisti Italiani per un servizio sulle difficoltà dell'immigrazione. Nel 2017 ha ricevuto il premio Redattore del Gusto per i suoi articoli sull'alimentazione.
Back to top button
Gruppo San Donato