Quando si fa la polisonnografia?

Carico il video...

Si tratta di un esame importantissimo per diagnosticare il russamento patologico e la sindrome delle apnee ostruttive del sonno

La roncopatia cronica è una condizione che comprende il russamento semplice o patologico e la sindrome delle apnee ostruttive del sonno. Quest’ultima si presenta come momenti di ostruzione respiratoria di oltre 10 secondi, dovuta al collasso di una parte delle vie aeree superiori durante il riposo.

Problemi ancora sottovalutati

Sebbene il russamento colpisca il 60% degli uomini e il 40% delle donne over 50 e le apnee ostruttive coivolgano il 4% della popolazione maschile e il 2% di quella femminile, si tratta di disturbi ancora molto sottovalutati. Eppure un sonno profondamente disturbato può incidere sul benessere di una persona, fino a scatenare una serie ingente di problemi. A risentirne, infatti, sono l’apparato cardiovascolare, quello respiratorio, il sistema nervoso e l’equilibrio metabolico.

Come si diagnosticano russamento e apnee ostruttive?

Uno dei primi esami diagnostici, in grado di rilevare questi disturbi del sonno, è la polisonnografia. Fabrizio Salamanca, otorinolaringoiatra e responsabile del Centro Diagnosi e Cura della Roncopatia di Humanitas San Pio X di Milano, ci spiega bene di cosa si tratta e quali sono gli altri accertamenti da fare in questi casi.

Chiara Caretoni

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Russamento e apnee notturne: quali sono le differenze?

Perché di notte russiamo?

Russi e hai le apnee del sonno? Ecco cosa rischi

Rinnovo patente, controlli su chi soffre di apnee notturne

 

 

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • Chiedi un consulto di Medicina del sonno
    CONDIVIDI