allergie e intolleranze

    DOMANDA

    Gent.ma Dott.ssa buongiorno,
    le vorrei chiedere la differenze, se esiste, tra allergie e intolleranze alimentari.
    Da qualche anno infatti i miei valori di eosinofili sono costantemente superiori a quelli normali (sempre intorno ai 12.1% e 0.93 in #). Apparentemente non ho mai sofferto di alcun tipo di allergia. Però a volte ho rilevato intolleranze alimentari (con i tests specifici, ora tanto in voga. Efficaci ?) Ora da diverso tempo non li ho più ripetuti e mi alimento piuttosto male. Può un’eventuale intolleranza da sola, aumentare i valori degli eosinofili? A questo ed altri fini, qual è la differenza tra allergia e intolleranza alimentare ?
    Grazie e cordiali saluti
    Sandra

    RISPOSTA

    gent.ma
    in breve, allergia: malattia dove vengono prodotti erroneamente anticorpi IgeEspecifici verso proteine nell’aria o alimentari. La produzione di questi anticorpi per errore del sistema immunitario genera un’infiammazione prevalentemente eosinofila; intolleranza alimentare: pensi che ai miei paizienti in genere dico che non esistono le intolleranze alimentari! Solo la malattia celiaca che ha un meccanismo immunologico dove anticorpi IgA verso il glutine del grano e tutto il meccanismo che ne deriva (sempre di tipo immunologico, cioè con coinvolgimento di altri anticorpi e cellule) dà luogo senz’altro ad infiammazione intestinale (diversa da quella dell’allergia) ma anche altri processi infiammatori a carico di diversi organi ed apparati; le altre forme NON sono durature, sono spesso transitorie e possono essere solo espressione di altro (mi spiego: se uno comincia a non tollerare ad esempio la lattuga, magari ha un mal di stomaco per altre ragioni, e quindi digerisce male in particolare quest’alimento e si accorge del suo mal digerire proprio con quest’alimento non facile a digerirsi di per sè: bisogna studiare questo, non fare test che non hanno alcuna attendibilità che poi guarda caso dicono-poichè cosi’ è stato detto dal paziente-che è intollerante alla lattuga! curi il mal di stomaco magari legato ad un’ernia iatale e tolleri la lattuga senza problemi !)

    Riassumendo: in caso di esinofilia E’ FONDAMENTALE RIVOLGERSI AD ALLERGO-IMMUNOLOGO CLINICO NON fare test che NON hanno alcuna ripeto alcuna attendibilità :
    si puo’ infatti sospettare:
    -allergia da inalanti (magari ancora non espressasi con raffreddore o altro)
    -allergia alimentare
    -malattie da ipereosinofilia (e non gliele sto ad elencare)-qualsiasi altra condizione in grado di indurre infiammazione eosibofila

    il tutto mediante effettuazione di accurata raccolta dati- sintomi e segni, ricerca delle allergie mediante test cutanei e di altre condizioni mediante esami specialistici ..etc etc

    mi spiace essermi dilungata, ma deve capire che non si deve perdere tempo e denaro (e quindi salute) dietro a pratiche che servono solo per ..guadagnare sulla salute della gente,

    la saluto molto cordialmente e rimango a disposizione,

    d.m.

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • CONDIVIDI