BellezzaBenessere

Capelli rovinati dopo le vacanze? Ecco le regole per risanarli

È un problema per 7 italiani su 10. Colpa di mare, salsedine, sole e sabbia. Ecco i consigli del dermatologo per risanare la chioma danneggiata

Un problema diffuso

Un problema diffuso

Gruppo San Donato

Al rientro dalle vacanze c’è da mettersi le mani nei capelli. Nel farlo, non ci stupiremo se troveremo una chioma secca, spenta e magari anche un po’ bruciacchiata, piena di doppie punte. È l’effetto del mare, del sole, della salsedine. Sopratutto se in spiaggia oltre ai problemi di lavoro si sono messe nel dimenticatoio anche le attenzioni per la cura dei capelli. Che tanto si bagnano ogni giorno in mare e poi si legano, che fa caldo.

Rientrare dalle ferie con capelli danneggiati è una realtà per 7 italiani su 10. La colpa è di sabbia, sole, salsedine, docce frequenti e prodotti sbagliati. Ma non solo: come spiega ad AdnKronos Salute il dermatologo dell’Università Tor Vergata di Roma Alessandra Giunta, il problema principale durante le vacanze è l’asciugatura. «L‘uso più frequente del phon o della piastra, una minore attenzione nell’uso del diffusore, importante per ridurre l’impatto del calore, possono contribuire allo stress del capello».

Come appare il capello dopo lo stress estivo? «Una perdita di coesione del fusto, il capello bruciato e con doppie punte, che appare spento e che ha perduto la sua naturale protezione di grasso ed è quindi secco. Un capello troppo secco è un capello malato» sottolinea Giunta. Di seguito qualche consiglio per risanare la vostra chioma.

Olio tutti i giorni

Olio tutti i giorni

Gruppo San Donato

Il primo consiglio del dermatologo è «utilizzare quotidianamente un olio (di argan o lino, ad esempio), per ripristinare la protezione naturale perduta».

Quello di lino in particolareè un ottimo rimedio naturale per ricostruire la barriera idro-lipidica del capello, nutrire i fusti, donare morbidezza ed eliminare l’effetto crespo. Le sue proprietà ristrutturanti sono dovute principalmente alla sua composizione in acidi grassi come l’acido linoleico, che idrata la chioma, e l’acido alpha linoleico, che ne aumenta la resistenza.

Shampoo con poca schiuma

Shampoo con poca schiuma

«Importante poi usare uno shampoo poco schiumogeno, il più possibile neutro e magari con sostanze naturali calmanti (camomilla, malva) – consiglia ancora Giunta – Se ne dovrebbe usare al massimo una noce e fare una sola insaponata. Fondamentale sciacquare abbondantemente per togliere tutti i residui».

Schiuma non significa maggiore qualità. Anzi, è vero il contrario. «La schiuma piace al consumatore, ma in genere significa che si sta utilizzando un prodotto piuttosto aggressivo, che lascerà la nostra pelle molto detersa, ma anche secca» ci aveva spiegato la dermatologa Bianca Maria Piraccini (puoi chiederle un consulto qui) parlandoci degli errori che si possono commettere ogni giorno nel lavaggio di viso, corpo e capelli.

Balsamo oleoso

Balsamo oleoso

Il balsamo, invece, «deve essere il più possibile oleoso, meglio se arricchito di olii essenziali piuttosto che di profumazioni chimiche» spiega Giunta. Se si usano queste attenzioni «i capelli possono essere lavati anche tutti i giorni».

Phon distante e addio piastre

Phon distante e addio piastre

Infine l’asciugatura deve essere delicata. Il diffusore e la bocca del phon devono rimanere distanti più di 20 centimetri dalla testa e alla piastra bisogna rinunciare per un po’ di tempo. Come spiega ancora la professoressa Piraccini, infatti, «piastre e ferri per capelli causano uno shock termico al capello. I capelli sono fatti di proteine e il caldo le denatura».

Integratori in vista dell’autunno

Integratori in vista dell'autunno

Necessario il consiglio del dermatologo per cure più specifiche e per affrontare l’autunno che porterà con sè una fisiologica caduta dei capelli. «Oggi ci sono integratori, in particolare quelli a base di cisteina, che funzionano bene nella prevenzione della caduta stagionale» suggerisce Giunta.

Nei momenti di cambio di stagione possono essere utili anche degli integratori di ferro, zinco, biotina metionina, sostanze che aiutano la naturale crescita dei capelli.

Alimentazione ricca di ferro

Alimentazione ricca di ferro

L’alimentazione ha un effetto protettivo per quanto riguarda la caduta, quindi una dieta sana contribuisce a rendere i nostri capelli più forti. Bisogna seguire un regime alimentare che contenga il ferro (scopri qui i vegetali che ne contengono di più), le vitamine e gli amminoacidi.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Sai quali sono i benefici dell’argilla su pelle e capelli?

Quante volte possiamo usare la piastra e il ferro per i capelli?

Chemioterapia e capelli che cadono: la mela annurca sarà il rimedio?

Capelli, unghie, pelle: 10 errori che non sai di commettere

Gruppo San Donato

Correlati

Back to top button
Gruppo San Donato