Alzheimer: come si previene?

Carico il video...

È una malattia che inizia il suo decorso molti anni prima di quando comincia a manifestare i sintomi. Come prevenirla? Ecco le raccomandazioni del neurologo Carlo Ferrarese

Sono circa 1.000.000 le persone con demenza in Italia: 600.000 di loro hanno la malattia di Alzheimer. A causa dell’invecchiamento della popolazione questi dati sono destinati a crescere in modo significativo, visto che siamo tra i Paesi più longevi, con il 22% della popolazione che ha superato i 60 anni. L’età media di chi soffre di Alzheimer è di 78,8 anni.

Diagnosi precoce fondamentale

La diagnosi precoce è indispensabile e lo sarà sempre di più in futuro «per poter indirizzare il paziente con Alzheimer verso strategie terapeutiche, attualmente in fase avanzata di sperimentazione, che potrebbero modificare il decorso della malattia mediante la rimozione della proteina beta-amiloide, principale responsabile della patologia» spiega nell’intervista il professor Carlo Ferrarese, Direttore Scientifico del Centro di Neuroscienze di Milano dell’Università di Milano-Bicocca e Direttore della Clinica Neurologica dell’Ospedale San Gerardo di Monza.

La prevenzione è fondamentale

Uno stile di vita sano può rallentare l’invecchiamento del cervello riducendo il rischio di demenza. Un prezioso aiuto ci viene dalla dieta mediterranea, un potente scudo per la salute di cuore e cervello. A tavola non dobbiamo mai far mancare l’olio extravergine d’oliva, ricco di acidi grassi monoinsaturi e polifenoli, così come frutta e verdura, soprattutto quelle più colorate e ricche di antiossidanti. Via libera anche al pesce, in particolare quello azzurro, ottima fonte di Omega 3, grassi buoni protettivi anche per la salute cardiovascolare. In alternativa al pesce è consigliabile consumare tre-quattro noci al giorno, ugualmente ricche di questi acidi grassi.

Attenzione, invece, a evitare l’assunzione di zuccheri semplici e a limitare fortemente i grassi saturi di origine animale, che a lungo andare favoriscono pericolosi processi infiammatori degenerativi. Naturalmente vietato fumare.

Francesco Bianco

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Alzheimer: meglio puntare tutto sulla prevenzione

Alzheimer: previenilo anche a tavola

Alzheimer: rinforza la memoria allenando corpo e mente

Alzheimer: un test dell’udito per scoprire subito la malattia

Chiedi un consulto di Neurologia
CONDIVIDI