10 consigli per drenare e sgonfiare le gambe

È possibile avvertire indolenzimento e gonfiore agli arti inferiori, soprattutto dopo una lunga giornata di lavoro. Ecco gli accorgimenti da mettere in pratica per alleviare questo disturbo

Fai incetta di antiossidanti

Arricchisci la dieta con antiossidanti, che hanno un effetto benefico sulla circolazione, la ritenzione e l’invecchiamento cellulare. È sufficiente mangiare crudo e colorato. Limita il consumo di sale, zuccheri semplici (bibite, prodotti da forno), grassi saturi e idrogenati (burro, margarina) che contribuiscono ai disturbi della circolazione e incentivano l’accumulo di adipe.

Bevi due litri d’acqua al dì

Bevi almeno due litri di acqua a basso residuo minerale al giorno (residuo fisso <50mg/l). Può essere anche utile una tisana drenante durante il giorno.

Fai sport dinamici

Preferisci attività sportive ad azione ritmica e contrazioni muscolari dinamiche, accompagnati da respirazione regolare e profonda: camminata, bicicletta, golf, nuoto, acqua fitness e acqua walking. Evita gli sport statici che aumentano la pressione intraddominale ed espongono al rischio di traumatismi: sollevamento pesi, canottaggio, bowling. Modera calcio, tennis e sci.

Metti un cuscino sotto alle ginocchia

Da distesa, posiziona un cuscino sotto il ginocchio e non sotto i piedi, in modo da evitare che si stiri la vena poplitea.

Tacchi sì, ma quelli giusti

Prediligi un abbigliamento comodo ed evita pantaloni stretti, corsetti elastici, gambaletti e calze autoreggenti che ostacolano la risalita del sangue verso il cuore. Non indossare scarpe con tacchi troppo alti o troppo bassi, o con la punta stretta. La scarpa ideale è quella comoda, con un tacco di circa 4 cm e a base larga.

Cammina nell’acqua del mare

Al mare, cammina a lungo dentro l’acqua, immersa fino al bacino, o nuota. È invece sconsigliato esporre le gambe al sole diretto, fare sabbiature e passeggiare sulla battigia facendosi “schiaffeggiare” le caviglie e le gambe dalle onde. In montagna,dedicati a lunghe passeggiate e bicicletta.

Attenzione ai viaggi lunghi

Se ti sposti in aereo o in treno per viaggi superiori alle 3-4 ore, indossa una calza elastica e cerca di fare qualche passeggiata nei corridoi. Per lunghi viaggi in automobile, fai una sosta ogni ora e cammina per qualche minuto.

Alzati… E cammina!

Se svolgi un’attività lavorativa che costringe a stare molto tempo in piedi, sollevati spesso sulle punte, per facilitare la risalita del sangue dalle gambe verso il cuore. Se invece passi molto tempo seduta alla scrivania, alzati ogni ora e cammina per qualche minuto per non lasciare troppo a lungo le gambe penzoloni.

Via libera alla ceretta,
purché sia al miele

Se non vuoi rinunciare alla depilazione delle gambe, il miglior metodo è la ceretta al miele, che può essere fatta anche a basse temperature, senza rischi di vasodilatazione.

Bene una terapia termale

Alcuni tipi di acque termali sono particolarmente indicate per il trattamento dell’insufficienza venosa e linfatica cronica: acque salsobromoiodiche (azione disinibente del gonfiore), sulfuree (azione antinfiammatoria), arsenicali-ferruginose (azione tonificante, stimolante e anti stress), solfato calciche (stimolano la contrattilità venosa).

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Perché ho sempre le gambe pesanti, gonfie e con vene varicose?

Gambe: l’abbigliamento da evitare per prevenire gonfiore e varici

Hai le gambe “pesanti” e gonfie? Si tratta di malattia venosa cronica

Gambe pesanti e viaggi lunghi? Indossa calze elastiche

 

Chiedi un consulto di Angiologia