Conosci tutti i cibi che può mangiare il tuo cane?

Carne, pesce, verdura, frutta, spezie, condimenti: sai davvero cosa fa bene al tuo animale domestico e cosa invece è assolutamente vietato? Scoprilo nella nostra gallery

Non tutto è concesso

Chi al proprio cane dà da mangiare i croccantini, dovrebbe sapere che questo tipo di alimentazione è già bilanciata con i tutti nutrienti necessari: carboidrati, proteine, grassi, fibre, minerali e vitamine. Chi ha deciso di crescere il proprio cane con una dieta casalinga, invece, deve bilanciare tutti i nutrienti da sè con vari cibi, facendo molta attenzione a cotture e condimenti (ne abbiamo parlato con una veterinaria in questo articolo).

Snack e premi

Tuttavia, è abitudine di molti padroni allungare avanzi o alimenti contenuti in dispensa e nel frigo al proprio animale domestico. Se il cane mangia già i croccantini, bisognerebbe evitare ulteriori apporti calorici, ma si sa, ogni tanto uno snack o un premio lo rendono felice e noi con loro. Insomma, non fatelo troppo spesso (il rischio è che il cane diventi obeso o che smetta di mangiare i croccantini perché si abitua ad altri cibi) e segnatevi alcuni alimenti che sono assolutamente vietati. Di seguito ciò che i cani possono mangiare e non mangiare.

Carote

Le carote possono essere mangiate tranquillamente dal vostro cane sia cotte che crude. Hanno poche calorie e sono una buona fonte di vitamine, minerali e fibre. Se il cane è di piccola taglia, ricordate di tagliarle in piccoli bocconcini per allontanare il rischio di soffocamento.

Uva e uva passa

Vietatissime. Uva e uva passa contengono una sostanza tossica per i cani. Anche se c’è una suscettibilità che varia da una razza all’altra, i rischi nell’ingerire uva sono molto alti. Alcuni cani sviluppano insufficienza renale anche mortale. Attenzione, quindi, anche a panettoni o brioches che contengono uva e uvetta.

Sale

Il sale deve essere limitato nella dieta di un cane. Un eccesso di questa sostanza può generare intossicazione o disidratazione, che a loro volta possono causare vomito, diarrea, attacco epilettico. Evitate quindi di somministrare al vostro cane alimenti molto salati, come patatine o formaggi stagionati e in aggiunta assicuratevi che abbiano sempre abbastanza acqua da bere per idratarsi a dovere.

Burro d’arachidi

Può essere dato ogni tanto al vostro cane come premio, a patto che sia semplice e senza sale. Va limitato perché è ricco di grassi e calorie e può causare un aumento di peso eccessivo.

Uova

Le uova cotte sono sicure e nutrienti. Un’uovo di medie dimensioni fornisce un buon apporto di vitamine e minerali, più molte proteine. Vietate, invece, le uova crude: il vostro cane potrebbe rischiare di contrarre la salmonella.

Salmone

Senza lische e cucinato, il salmone, ma in generale quasi tutto il pesce, va benissimo per il vostro cane. Questo alimento è ricco di Omega 3, acidi grassi che fanno bene all’organismo perché sono in grado di ridurre l’infiammazione e mantengono il pelo e la pelle del cane in salute. Assolutamente vietato il salmone e il pesce crudo: è pericoloso non solo per la possibile contaminazione batterica e parassitaria, ma anche perché nel pesce crudo è attivo un enzima, la tiaminasi, che non permette l’assorbimento della vitamina B1 (tiamina) e una sua carenza protratta nel tempo può determinare gravi sintomi neurologici.

Cioccolato

Il cioccolato è ricco di metilxantine, sostanze che provocano una sintomatologia eccitatoria che può diventare convulsiva. Se, ad esempio, un cane di 5 kg assume 50 grammi di cioccolato fondente può avere sintomi neurologici anche fatali. Per quello amaro ne bastano anche solo 15 grammi, quasi un cucchiaio da minestra. Trovandosi facilmente in casa (per esempio nei cioccolatini riposti sul tavolino del soggiorno), le intossicazioni causate dalle metilxantine sono piuttosto frequenti tra i cani casalinghi.

Formaggi

In piccole quantità il formaggio è sicuro per la maggior parte dei cani. A causa del lattosio, però, alcuni possono avere problemi di digestione, come mal di stomaco o diarrea. Per evitare questi sintomi, è meglio dare poco formaggio al vostro cane, o farlo gradualmente. Tra le varie tipologie, scegliere quelli più leggeri a pasta molle, come per esempio ricotta, fiocchi di latte, mozzarella e crescenza. I formaggi stagionati, di cui spesso si danno croste e avanzi dalla tavola, non sono l’ideale perché eccessivamente grassi e salati.

Mirtilli

I mirtilli vanno bene perché sono ricchi di antiossidanti e provvedono a fornire un buon apporto di vitamine, minerali e fibre. Inoltre, i mirtilli hanno poche calorie e sono piccoli, quindi possono essere un buon premio-snack per il tuo cucciolo.

Anacardi

Gli anacardi sono da evitare o al massimo da dare semplici, senza sale e arrostiti. Questi alimenti infatti contengono molti grassi e calorie e possono causare aumento di peso nel cane o pancreatiti, se consumati in eccesso.

Noci di Macadamia

I cani non devono mangiarle perché questa tipologia di noci è tossica e può causare diarrea, vomito e sintomi depressivi (come la febbre). Per il resto, le noci sono preziose fonti energetiche, ma attenzione alle quantità.

Mandorla

Meglio limitarle perché non sono facili da digerire (possono generare vomito o diarrea), nonostante quelle non salate siano sicure. Tuttavia, le mandorle sono ricche di grassi e calorie, quindi possono generare un aumento di peso o pancreatiti.

Ananas

L’ananas è ricca di vitamine, minerali e fibre, quindi può essere un eccellente e nutriente snack per il vostro cane. Come per altri cibi, però, se mangiato in eccesso può causare diarrea o nausea. Per questo, è meglio dargliene poco alla volta e solo ogni tanto.

Cipolle

Mai dare la cipolla al vostro cane. Tra tutte le verdure, insieme all’aglio, è l’unica vietata perché è tossica e può portare allo sviluppo di anemia. Nei cani questa patologia si manifesta con diversi sintomi, tra cui letargia, stanchezza, diminuzione dell’appetito e svenimenti.

Anguria

Anguria

L’anguria è sicura per i cani purché non sia data con la buccia e i semini. Con entrambe queste parti, infati, il cane può rischiare di soffocarsi e di avere problemi digestivi. Tuttavia, l’anguria è molto salutare, ha poche calorie ed è ricco di nutrienti, come vitamina A e C.

Pane

Il pane è l’alimento più utilizzato come snack e premio. L’importante è darlo secco: quando la pagnotta è dura, infatti, il nostro cane la mangia e la sgranocchia più lentamente. Attenzione a non esagerare con le dosi: troppi carboidrati non vanno bene.

More

 

Sia fresche che surgelate, le more sono un premio salutare per il vostro cane. Hanno poche calorie e sono ricche in vitamine, minerali, antiossidanti e fibre. Se al vostro cucciolo piacciono, potete dargliele anche poche ogni giorno.

Avocado

L’avocado non deve essere mangiato dai cani. Questo perché contiene una sostanza tossica per loro, che può provocare disturbi cardiovascolari e respiratori.

Mais

I cani possono mangiare il mais in quantità moderata: è una buona fonte di vitamine e minerali ed è anche un ingrediente tipico del cibo per cani. Evitate però la pannocchia intera, perché il vostro cucciolo potrebbe far fatica a ingerirla e rischiare un ostruzione intestinale.

Pomodori

Potete utilizzare i pomodori come premio occasionale, ma non devono essere troppo maturi. Quando sono ancora verdi possono contenere una buona quantità di solanina, una sostanza che può essere tossica sia per gli uomini che per gli animali.

Piselli 

Come il mais, anche i piselli sono un ingrediente abbastanza comune nel cibo per cani. Per loro sono gustosi e in più contengono poche calorie e molti nutrienti positivi per la loro salute. Vanno bene freschi e surgelati, ma non in scatola: i piselli in scatola sono molto salati e questo non fa bene ai vostri cuccioli.

Avena

Se semplice (senza l’aggiunta di altri ingredienti), l’avena può essere data ai cani. Si tratta di un alimento ricco in fibre, vitamine e minerali.

Caffè e tè

Anche se non ci verrebbe mai in mente di dare caffè al cane, se il nostro animale domestico gironzola spesso in cucina, potrebbe finire per rubarne semini o mangiarne il macinato. Ma con il caffè bisogna fare attenzione, perché a causa delle sue sostanze eccitanti può provocare tachicardia, aumento della frequenza respiratoria o una sintomatologia neurologica. Anche il tè non è sicuro.

Mele

Come il resto della frutta, anche le mele, ricche di fibre, minerali, vitamine e antiossidanti, possono essere mangiate dal vostro cane. Meglio dargliele tagliate in pezzettini e senza semi: i semi della mela, infatti, contengono l’amigdalina, una sostanza a base di cianuro e glucosio che in grandi quantità può fare male (ogni seme ne contiene solo 0,6 mg, mentre la dose letale è di 50/90 mg).

Aglio

Come la cipolla, anche l’aglio è vietato perché contiene sostanze tossiche che possono portare allo sviluppo di anemia. Nel caso degli avanzi da tavola, quindi, attenzione ai cibi che contengono aglio e cipolla anche in piccole quantità.

Broccoli

I broccoli, come le altre crucifere (cavoli, rape etc) andrebbero cotti perché crudi sono difficili da digerire.

Pollo e tacchino

Il pollo è un alimento sicuro per i cani, anche perché è uno degli ingredienti più diffusi nei loro mangimi. Il pollo è un’ottima fonte di proteine, di cui il vostro cucciolo ha bisogno per stare bene. L’importante è non dare il pollo arrosto con le ossicina, pericolosissime perché sono appuntite e possono causare perforazioni oppure bloccarsi nell’intestino, nello stomaco o peggio ancora a livello esofageo. Va bene anche il tacchino. Entrambe le carni devono essere somministrare sempre cotte, mai crude e senza pelle.

Riso

I cani possono mangiare tranquillamente il riso, sia bianco che integrale. Attenzione a non somministrarlo troppo al dente: il riso deve essere quasi scotto per essere digerito bene. È molto frequente il caso in cui vengono trovati pezzi di riso quasi crudo nelle feci dei cani e il padrone li scambia per parassiti.

Carne 

Tra gli alimenti preferiti dai cani, la carne (sia rossa che bianca), può essere tranquillamente somministrata, meglio se scottata o bollita. Quella cruda non è nociva, ma l’unico problema è legato alla contaminazione batterica che potrebbe portare alla proliferazione di germi potenzialmente patogeni anche per l’uomo. La carne di maiale cruda, invece, sia sotto forma di bistecca che di insaccato, non va assolutamente somministrata. Questo alimento, infatti, contiene microrganismi (virus, parassiti e batteri) particolarmente patogeni per il cane.

Cannella

La cannella non è tossica per i cani, ma se viene mangiata in grandi quantità può irritare il loro apparato digerente. Se la usate molto in cucina, attenzione a non farla cadere per terra: annusandola, i cani potrebbero inalarla e questo potrebbe causargli tosse e difficoltà respiratorie.

 

Mango

 

I cani possono mangiare il mango come premio occasionale. È un frutto salutare perché fornisce un buon apporto di vitamine e minerali, oltre che di fibre. Prima di darlo al tuo cane, però, pelalo: la pelle può essere difficile da digerire.

Noce moscata

La noce moscata non è sicura per i cani a causa della miristicina, una sostanza tossica per i loro organismo (se consumata in grandi quantità). I sintomi da intossicazione da noce moscata sono le allucinazioni, il disorientamento, il vomito, ma anche l’aumento della frequenza cardiaca e i tremori muscolari, la pressione alta e nei casi più gravi anche convulsioni e coma.

Miele

Essendo ricco di zuccheri, il miele può essere dato davvero in quantità limitate. Non è un alimento necessario per il tuo cane.

 

Latte

Il latte può essere dato, magari mischiato al mangime, ma bisogna fare attenzione al lattosio, che, come accade nell’uomo, può generare intolleranza. Nelle prime settimane i cuccioli si nutrono con il latte della mamma, ma dopo i due mesi di età le lattasi – gli enzimi deputati alla digestione del lattosio – si riducono drasticamente. Avendo un potere osmotico, il lattosio ingerito dopo questo periodo può causare diarrea. Tuttavia, con differenze che variano da cane a cane, è stato valutato che fino a 20 ml/kg di peso corporeo il latte non dovrebbe generare alcun problema gastroenterico.

Limoni e lime

Sconsigliabile dare al cane agrumi, come ad esempio limone e lime. I cani non devono mangiare questo genere di frutta perché contiene una serie di composti e oli aromatici difficili da digerire per il loro organismo. Inoltre, l’elevato contenuto di acido citrico può essere causa di problemi gastrointestinali come diarrea, vomito e mal di stomaco.

Alcolici

L’alcol può intossicare i cani: provoca vomito, diarrea, perdita della capacità motoria, scompensi del sistema nervoso centrale, difficoltà respiratorie, squilibri metabolici, coma. L’alcol è già considerato un “veleno” per il corpo umano, soprattutto quello giovane: l’enzima deputato a digerirlo non è completamente efficiente prima dei 21 anni ed è inefficiente sino ai 16 anni.

Impasto crudo

Se amate il pane fatto in casa, attenzione all’impasto crudo lasciato a riposare. Se il vostro cane dovesse rubarlo, il rischio dell’ingerire tanto lievito è una sintomatologia simile a quella da intossicazione da alcool.

Fragole

Le fragole sono sicure per i cani, fonte di fibre e antiossidanti.

Funghi

I funghi possono essere dati al cane, a patto che non siano cucinati e conditi con cipolla o aglio, che – come abbiamo visto – possono essere pericolosi. Attenzione ai funghi selvatici: possono essere velenosi per noi e anche per i nostri cani.

Patate

Le patate, come tutti gli altri tuberi, si possono somministrare ai cani a patto che siano ben cotte. La scelta di darle con o senza la buccia dipende dal quantitativo di fibra che vogliamo somministrare. In più, sono alimenti molto utili in diverse situazioni, perché ricche di carboidrati e acqua. Per questo, si possono usare con cani che hanno patologie dermatologiche, di sovrappeso o alle basse vie urinarie.

Sedano

Il sedano, in piccole quantità, è uno snack sicuro per il cane. Ha poche calorie ed è una buona fonte di vitamine e minerali. Prima di darlo al vostro cane, però, tagliatelo in piccoli pezzettini: sarà più facile da digerire.

Gamberi 

Tutte le tipologie di pesce possono essere date ai cani, ma – come per la carne – bisogna assicurarsi che non ci siano lische (soprattutto di grandi dimensioni) e che non sia crudo. Il pesce crudo, infatti, è pericoloso non solo per la possibile contaminazione batterica e parassitaria, ma anche perché nel pesce crudo è attivo un enzima, la tiaminasi, che non permette l’assorbimento della vitamina B1 (tiamina) e una sua carenza protratta nel tempo può determinare gravi sintomi neurologici.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Animali domestici: posso curarli con i miei farmaci?

Cane: ecco la dieta ideale che deve seguire

Animali domestici: più della metà non li porta dal veterinario

Dormi con il cane? Riposi meglio e in maggiore sicurezza 

Chiedi un consulto