Vivere la malattia: parlare e confrontarsi per trovare la forza

vivere la malattia

"Iniziativa Incontri" è la nuova proposta di "Viverla Tutta", la campagna di Pfizer che si propone l’obiettivo di diffondere la conoscenza della medicina narrativa in Italia

Due punti di vista, due racconti, due modi diversi di vivere la malattia. La nuova proposta della campagna Viverla Tutta, nell’ambito dell’edizione 2017 “Con occhi diversi”, si chiama “Iniziativa Incontri” e si propone di fare emergere i diversi punti di vista e il modo in cui le persone vivono una malattia e i cambiamenti che questa porta con sé nella vita di tutti i giorni e nelle relazioni familiari, sociali.

L’incontro di due punti di vista

Come fanno Federica e Pietro in questo video. Una moglie e un marito, che in una doppia intervista mettono a confronto i loro punti di vista, come persone che sono sempre state vicine una all’altra e per questo conoscono due facce della stessa esperienza, nel loro caso la diagnosi di un tumore, e la affrontano, trovano la forza, ciascuno a suo modo.

Viverla Tutta

La campagna di comunicazione e impegno sociale Viverla Tutta, promossa da Pfizer, si propone l’obiettivo di diffondere la conoscenza della medicina narrativa in Italia ed è incentrata sull’importanza del racconto e della condivisione delle testimonianze di malattia. La narrazione, sia scritta che orale, può infatti aiutare una persona ad analizzare un’esperienza traumatica, come può essere la diagnosi di una malattia cronica, e a esorcizzarla.

Paziente al centro

Per questo motivo, Viverla Tutta incentiva la diffusione di strumenti, iniziative e metodologie volte a promuovere una maggiore centralità del paziente, mettendosi in ascolto dei suoi bisogni e della sua esperienza. Protagonisti dell’iniziativa sono i pazienti e i caregiver che, attraverso le loro storie, raccolte sul sito e evocate sulla pagina Facebook, danno vita e anima alla campagna.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Racconta la tua esperienza con la malattia: ecco come fare

Tumore e percorso di cura: il paziente deve avere un ruolo attivo

Tumore al seno in gravidanza: la storia di Valentina

Sla: un’app per salvare la voce dei pazienti

Chiedi un consulto di Psicologia