Raffreddore: brevettato il primo vaccino

Vaccino raffreddore

Scoperto da un allergologo dell'Università di Vienna. Il vaccino colpisce il guscio del virus, che resta identico in tutti i 115 ceppi

Per la prima volta è stato registrato un vaccino contro il raffreddore: finora si pensava che potesse essere sconfitto solo con il riposo e usando farmaci per alleviare i sintomi.

A depositare il brevetto è stato Rudolf Valenta, allergologo alla Medical University di Vienna, che da anni fa ricerche sui rinovirus, che causano appunto il raffreddore. Sono stati isolati circa 115 ceppi di virus con proprietà simili, ma distinguibili per gli antigeni. Per questo si è sempre pensato che sarebbe stato molto complicato scoprire un vaccino.

Il vaccino colpisce il guscio del virus

Valenta ha aggirato il problema concentrandosi sul guscio che ricopre il virus, che non cambia da ceppo a ceppo, e che facilita l’aggressione, ancorandosi alle mucose della bocca, del naso, della gola e dello stomaco.

«Abbiamo preso alcuni pezzi del guscio – spiega Valenta in una intervista al magazine The Indipendent – attaccandoli ad una proteina di trasporto. È un principio molto vecchio, riprogrammare la risposta immunitaria sull’obiettivo giusto».

Ci vorranno tra i 6 e gli 8 anni

Il vaccino incoraggia il nostro organismo a riconoscere e a sviluppare difese contro la parte esterna del rinovirus, che è praticamente uguale in tutti i ceppi.

La ricerca è in fase avanzata. «Con la prima proteina che abbiamo costruito abbiamo una inibizione molto buona della malattia – afferma Valenta -, siamo convinti di essere sulla buona strada. Se riusciremo ad avere i fondi per i test clinici possiamo metterlo a punto in sei-otto anni».

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Col vaccino antinfluenzale meno ricoveri per i cardiopatici

Diabete di tipo 2: vaccino anti influenza riduce rischio mortalità

Tumore al seno: vaccino fa regredire le forme iniziali

Ebola: trovato il vaccino. In commercio dal 2018

Chiedi un consulto di Infettivologia
CONDIVIDI