Vantaggi e rischi del sesso orale

C’è chi lo trova disgustoso, chi politicamente scorretto, chi efferato ritratto della sottomissione, chi il non plus ultra dell’erotismo e del piacere. Quali sono i benefici? E i rischi? La parola all'esperto

Vietato definirlo contronatura

Ci sono ben due motivi contro la tesi che si tratterebbe di una pratica innaturale.  In natura è frequente. Ad esempio i bonobo, scimpanzé con cui condividiamo la quasi totalità dei geni, ne sono raffinati estimatori ed esecutori. Poi pensare che per l’uomo l’obiettivo naturale del sesso sia la riproduzione è una corbelleria imbarazzante da quando abbiamo smesso di accoppiarci solo quando lo vogliono gli ormoni. Non sappiamo quanti animali facciano sesso (anche) per piacere – i citati fratelli-bonobo hanno perfettamente imparato a farlo – ma certamente questo è il nostro caso. E allora, se il sesso si fa per piacere, perché una delle modalità che più ne genera è stato così tanto, e talvolta ancora lo è, un tabù?

Nell’antichità era un atto di sottomissione

Quando l’organo genitale stimolato oralmente è  quello maschile si usa il termine latino «fellatio» e un numero non piccolo di espressioni gergali che sono in genere meglio comprese.

Nella Grecia classica si praticava largamente, ma con una nuance di sottomissione per chi lo riceveva. Basta spostarci nell’antica Roma, perché la fellatio capovolga il suo significato. Per i duri Romani, conquistatori di popoli, era chi eseguiva la fellatio ad apparire sottomesso. Era infatti un’attività riservata a giovani e avvenenti schiavi.
Nel Medioevo era un’attività proibitissima e un gravissimo peccato. Così la fellatio è uscita dalla camera da letto per diventare appannaggio delle prostitute.

Anche la rivoluzione sessuale degli anni 70 e il femminismo hanno spesso associato la fellatio a una dimensione di passività e di sottomissione.

La rivoluzione arriva da un
film e da un libro

Un libro e un film del 1972 rendono la fellatio popolare. La pubblicazione del manuale del medico britannico Alex Comfort, La Gioia del Sesso, e quella del cult-pornofilm americano Gola Profonda. Il trattatello, che ha immediatamente un successo planetario, era illustrato da disegni chiari ed espliciti che presentavano posizioni e tecniche amorose. Da allora sono state tante le pubblicazioni anche scientifiche sull’argomento.

Il piacere deve essere reciproco:
il cunnilingus

Torniamo al film Gola Profonda. Era la storia surreale (o, meglio, iperreale) di una donna che aveva il clitoride in gola, e che quindi esperiva intensi orgasmi proprio praticando il sesso orale. Le conseguenze furono due. La prima fu la diffusione della richiesta maschile di fellatio profondissime. Paradossalmente, però,  viene sdoganato anche il tema del piacere femminile.
E questo mi suggerisce che sia arrivato il momento di parlare del «cunnilingus». Anche in questo caso la sua diffusione è cosa recente e in qualche modo figlia della rivoluzione sessuale, cioè dell’istanza di piacere femminile e di parità sessuale.

La base scientifica

Qualche anno fa uscì sul Journal of Adolescentology un interessante report scientifico sulle motivazioni che spingono un giovane maschio a iniziare la pratica del cunnilingus. I ricercatori riconobbero nei giovani che praticano il sesso orale alle loro partner una istanza di piacere personale, attraverso quello femminile e soprattutto nella speranza di reciprocità, e caratteristiche cosiddette assertive della personalità, nonché l’obiettivo di dimostrarsi sessualmente esperti.
I vantaggi del sesso orale

Sintetizzando, i principali vantaggi del sesso orale sono tre:

  • può essere straordinariamente efficace ad aiutare le donne a raggiungere un orgasmo;
  • può aiutare gli uomini che hanno qualche difficoltà ad avere un’erezione;
  • non mette a rischio di gravidanza.

Non è sesso sicuro:
mai praticarlo senza difese

Ricevere fellatio e cunnilingus non è particolarmente rischioso, quanto a virus dell’Aids. Lo è assai maggiormente per chi li pratica. La saliva, infatti, contiene copie dell’Hiv solo se la bocca sanguina (attenzione basta una gengiva ferita). Al contrario, lo sperma è ricco di virus nei soggetti sieropositivi. Invece il cunnilungus è un comportamento considerato a minor rischio perché le secrezioni vaginali contengono una ridotta quantità di virus. Il rischio però aumenta durante il ciclo mestruale.
Un meccanismo di trasmissione simile riguarda l’epatite virale. Inoltre, anche herpes genitale, sifilide e gonorrea e altre malattie sessualmente trasmissibili si possono contrarre col rapporto orale.

Il papillomavirus

Un lavoro dello scorso anno pubblicato sul Postgraduate Medicine Journal denuncia l’epidemia di carcinomi a cellule squamose del distretto testa-collo che è messa in relazione con il diffondersi sempre più universale di sesso orale. In questo caso il responsabile è un virus che solo di recente è salito ai (dis)onori delle cronache: il papillomavirus, colpevole anche di numerosi casi di carcinomi uterini e del pene.

Come proteggersi

Il profilattico è di rigore, e fin da prima che la stimolazione orale inizi. E oggi per il maschio che voglia praticare il cunnilingus esistono dei film buccali specificamente disegnati. Impediscono il contatto diretto tra le mucose orali maschili e quelle genitali femminili senza sottrarre granché piacere, ma incrementando assai la sicurezza.

Emmanuele A. Jannini, Professore di Endocrinologia e Sessuologia Medica Università degli Studi di Roma Tor Vergata

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Aids: boom di infezioni da Hiv. Ecco quello che devi sapere

Il vaccino anti HPV previene il cancro: la conferma definitiva

Malattie sessualmente trasmissibili: ecco le nuove linee guida

Pap Test o HPV Test? Ecco com’è cambiata la prevenzione

Chiedi un consulto di Sessuologia