Salute Mentale

I social network ci fanno sentire più soli

Passare troppe ore a curiosare nei profili altrui aumenta l'isolamento e l'invidia: un problema su cui dovrebbero vigilare anche i medici di famiglia

Essere sempre connessi, sapere tutto di tutti, vedere e commentare le azioni altrui praticamente in tempo reale non ci aiuta a sentirci meno soli, anzi: paradossalmente, più tempo passiamo sui social network e più aumenta la nostra sensazione di essere isolati dagli altri. Lo dimostra una indagine pubblicata dall’Università di Pittsburgh sull’American Journal of Preventive Medicine.

Lo studio

I ricercatori, coordinati da Brian A. Primack, hanno intervistato quasi 1.800 persone tra i 19 e i 32 anni per determinare la frequenza di accesso e il tempo di permanenza sugli undici social network più popolari: Facebook, YouTube, Twitter, Google Plus, Instagram, Snapchat, Reddit, Tumblr, Pinterest, Vine e Linkedin. Ciascun partecipante è stato poi valutato per determinare la percezione di isolamento sociale.

Gruppo San Donato

I risultati

Dalle risposte è emerso che le persone che navigano sui social per più di due ore al giorno hanno il doppio di probabilità di sentirsi sole rispetto a chi curiosa tra i profili di amici e parenti per meno di mezz’ora al giorno. Risultati peggiori riguardano gli utilizzatori “compulsivi” dei social: chi li visita più di 58 volte alla settimana ha il triplo delle probabilità di sentirsi isolato rispetto a chi accede meno di nove volte a settimana.

Cause e conseguenze

«Non sappiamo se venga prima l’uso dei social media o la percezione dell’isolamento», spiega la pediatra Elizabeth Miller. «E’ possibile che i giovani che si sentono più soli finiscano per rivolgersi ai social media, ma potrebbe anche essere che un maggior uso dei social porti a sentirsi più isolati dal mondo reale. Potrebbe anche essere una combinazione delle due cose – ammette l’esperta – ma anche se la causa principale dovesse essere l’isolamento sociale, non sembra che venga alleviato dal tempo trascorso online, anche in situazioni presumibilmente sociali».

I social non sono la soluzione

«Questa è una questione importante da studiare – sottolinea Primack – perché i problemi di salute mentale e di isolamento sociale sono a livelli epidemici tra i più giovani. Per natura siamo creature sociali, ma la vita moderna tende a compartimetalizzarci invece che unirci. Sebbene i social media possano sembrare un’opportunità per riempire quel vuoto sociale, credo che questo studio dimostri che potrebbero non essere la soluzione che cercavamo».

Perché non funzionano

Non è troppo difficile delineare i possibili meccanismi per cui i social aumentino la percezione della solitudine. Secondo i ricercatori, sono tre le ipotesi plausibili: innanzitutto i social rubano tempo prezioso che potrebbe essere dedicato alle vere relazioni sociali nel mondo reale; poi ci sono caratteristiche intrinseche dei social che aumentano il senso di isolamento, come quando ci mostrano foto di amici e conoscenti che si divertono in situazioni a cui non abbiamo partecipato o a cui non siamo stati invitati; infine tutte quelle facce sorridenti nei selfie super preparati e ritoccati aumentano l’invidia e la percezione che gli altri conducano vite più divertenti e soddisfacenti della nostra.

Gruppo San Donato

Il ruolo dei medici

I ricercatori sottolineano come questi risultati tratteggino un quadro generale, che ovviamente non vale per tutti: molte persone usano i social in modo intelligente e li sfruttano proprio per potenziare le loro relazioni sociali.
Tra i numerosi utenti del web, però, la tendenza sembra esser ben delineata e per questo Primack lancia un appello ai medici di famiglia perché davanti ad un paziente particolarmente solitario e isolato provino ad approfondire la questione dei social network, dando validi suggerimenti su come utilizzarli al meglio.
Elisa Buson

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La foto profilo sui social rivela la nostra personalità

I social network deprimono o i depressi stanno sui social network?

Scoperti i neuroni “Facebook” che ci spingono a raccontarci sui social

Selfie-dipendenti: quando la realtà è solo quella dei social network

 

Gruppo San Donato

Correlati

Back to top button
Gruppo San Donato