Asma: sintomi più pesanti per gli amanti dei salumi

I nitriti contenuti in salami, salsicce e prosciutti potrebbero aumentare l'infiammazione delle vie respiratorie

Un vecchio spot pubblicitario recitava che «non han mai fatto male tre fette di salame», ma forse chi soffre di asma dovrebbe stare attento a non esagerare troppo quando si trova davanti ad un bel tagliere di salumi. Pare infatti che i pazienti che consumano regolarmente quantità abbondanti di carni lavorate e stagionate sviluppino col tempo sintomi peggiori: è ancora troppo presto per parlare di un chiaro rapporto di causa-effetto, ma il sospetto è che i nitriti contenuti in prosciutti, salami e salsicce possano aumentare l’infiammazione delle vie respiratorie accorciando ulteriormente il fiato degli asmatici. A suggerirlo è uno studio francese pubblicato sulla rivista Thorax.

I ricercatori hanno preso in esame le cartelle cliniche di quasi mille adulti di cui erano note le abitudini alimentari: in fatto di salumi, ad esempio, è emerso un consumo medio di 2,5 porzioni a settimana.

Nella prima tornata di visite di controllo, effettuate tra il 2003 e il 2007, il 42% dei partecipanti aveva dichiarato di aver avuto sintomi asmatici: circa il 50% aveva fumato, il 35% era sovrappeso e il 9% era obeso. Al secondo giro di visite di controllo, fatte tra il 2011 e il 2013, il 20% dei pazienti aveva accusato un peggioramento dei sintomi. Aveva meno fiato il 14% dei pazienti che mangiavano pochi salumi (circa una porzione a settimana), il 20% di coloro che mangiavano fino a quattro porzioni di affettati alla settimana, e il 22% di quelli che si abbuffavano con più di quattro porzioni a settimana.

I dati, rivisti alla luce degli altri fattori di rischio come il fumo, l’età e la sedentarietà, dimostrano che gli appassionati di salsicce, salami e prosciutti hanno il 76% di probabilità in più di veder peggiorare i sintomi dell’asma.
Il sovrappeso e l’obesità “pesano” su questa associazione soltanto per il 14% e per questo i ricercatori sostengono che le carni lavorate e stagionate potrebbero agire in maniera indipendente nel peggiorare l’asma.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Mangiare troppa carne lavorata aumenta il rischio di tumore

Colesterolo: attenzione ai piatti di Natale

Obesità: proteine della carne come lo zucchero

Natale: i benefici di un secondo di pesce

Chiedi un consulto di Pneumologia
CONDIVIDI