torcicollo

    stato di anomala contrazione dei muscoli cervicali che provocano una torsione del collo, determinando un’alterata posizione del capo che appare deviato lateralmente e ruotato. Il torcicollo congenito miogeno è la più frequente tra le forme presenti sin dalla nascita. È dovuto alla retrazione e degenerazione fibrosa del muscolo sternocleidomastoideo (inserito allo sterno e alla regione posteriore dell’orecchio), provocate da un’anomala posizione del feto durante la gravidanza. Questa forma di torcicollo deve essere curata il più precocemente possibile per evitare che compaiano alterazioni secondarie al capo (la metà del viso del lato colpito si sviluppa di meno e le anomalie sono evidenti sin dal primo anno di vita). La terapia è chirurgica e consiste nella resezione del muscolo vicino allo sterno. Un’altra forma congenita di torcicollo è dovuta ad anomalie delle vertebre del collo, che possono essere fuse da un lato, possono mancare alcuni corpi vertebrali ecc. In questi casi si applicano apparecchi ortopedici per evitare almeno l’aggravarsi della deformità. Le forme acquisite di torcicollo possono essere dovute a processi infiammatori acuti o cronici che interessano il tratto cervicale o a traumi della colonna vertebrale. Infine il torcicollo può essere un atteggiamento di correzione di problemi della vista quali astigmatismo, strabismo, disturbi di equilibrio ecc.

    CONDIVIDI