AGR NEWS
Diagnosi E Cure-Vertebre rotte: quando si rischia la paralisi

Vertebre rotte: quando si rischia la paralisi

La frattura delle ossa della colonna vertebrale può avere conseguenze serie se il midollo viene danneggiato

Un forte trauma, come una caduta da cavallo o un incidente stradale, può portare alla rottura di una o più vertebre, quasi sempre nelle zone in cui la colonna cambia curvatura ed è più vulnerabile», spiega Ermanno Martucci, primario della sezione A dell'Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna.
«In particolare: nel punto di passaggio fra la parte cervicale (convessa in avanti) e quella dorsale (convessa all'indietro), e nell'analogo punto fra la parte dorsale e quella lombare (convessa in avanti)».

Sintomi. Il paziente sente un dolore violentissimo, come una pugnalata (a volte, però, il dolore può essere provocato anche solo dalla rottura di un legamento).

• I soccorsi. È importante usare un'apposita barella, definita a cucchiaio, che permette di immobilizzare la colonna vertebrale nella sua interezza.

Diagnosi. Una radiografia e, se necessario, la risonanza magnetica permettono di capire esattamente che cosa è successo. I test neurologici consentono poi di individuare eventuali danni al midollo spinale e alla cauda equina (la parte finale del midollo), provocati dal trauma.

Terapia. Se la frattura è composta, basta indossare un apposito busto rigido per alcune settimane (dipende dai casi). Se invece è scomposta, deve intervenire il chirurgo, riportando le vertebre rotte alla posizione originale, grazie anche a viti e barre di titanio.
Fondamentale è evitare, subito dopo il trauma, che frammenti di ossa comprimano il midollo, perché i tessuti nervosi sono molto delicati e possono andare incontro a degenerazione, con rischio di paralisi.
OK La salute prima di tutto

Ultimo aggiornamento: 2 febbraio 2010

Vuoi saperne di più? Puoi chiedere un consulto agli ortopedici di OK

Angelina Ferrara
In edicola