News

Il vero gentiluomo si vede dalla lunghezza delle dita

Gli uomini inclini a comprare regali e fiori hanno l'indice più corto dell'anulare

Che l’attenzione femminile sia richiamata da uno sguardo penetrante, dai bicipiti scolpiti o da una mascella volitiva poco importa: un gentiluomo si riconosce dalle dita, ha l’indice più corto dell’anulare. Parola di scienza: stando a uno studio della Montreal University pubblicato sul Journal of Consumer Psychology, lo sviluppo in lunghezza delle dita della mano sarebbe strettamente correlato ai livelli di testosterone a cui i nascituri sono esposti già nel grembo materno. Più alta è questa concentrazione di ormoni maschili, e più sono accentuate le caratteristiche maschili del futuro uomo: atletico, deciso ma anche protettivo e generoso nei confronti del gentil sesso, più incline a mettere mano al portafogli per comprare regali e offrire cene romantiche.

Lo stesso fenomeno si osserverebbe anche nelle donne, in questo caso conta l’esposizione agli estrogeni e, anche qui, i livelli ormonali inducono un diverso sviluppo in lunghezza delle dita. Più attente e legate all’idea di fare colpo sono quelle con l’indice più lungo dell’anulare.

Gruppo San Donato

06/07/2015

Correlati

Back to top button
Gruppo San Donato