San Raffaele: posata la prima pietra del nuovo edificio

Carico il video...

Il Nuovo Polo chirurgico e delle urgenze sarà pronto per l'estate 2020. Paolo Rotelli: "Milano può essere una delle capitali europee della sanità"

In tutto 10 piani, 18 sale operatorie e 283 posti letto. Sono questi i numeri del Nuovo Polo chirurgico e delle urgenze dell’Ospedale San Raffaele, ribattezzatto “Iceberg” per aspetto e dimensioni, che sarà pronto nell’estate del 2020.

Il nuovo edificio

Il nuovo edificio ospiterà il pronto soccorso, sale operatorie e stanze per la degenza. Tra le novità del polo, l’informatizzazione del percorso clinico dei pazienti attraverso un’applicazione che permetterà di seguire direttamente sul cellulare le informazione cliniche, gli esiti di visite, tempi di attesa e indicazioni per il ricovero.

La posa della prima pietra

A presentare il progetto e a posare la “prima pietra” della struttura sono stati il presidente del gruppo ospedaliero San Donato Paolo Rotelli, il presidente del San Raffaele Enrico Tommaso Cucchiani, l’amministratore delegato Elena Bottinelli e il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Gruppo San Donato, Paolo Rotelli: «Nuovi profili per nuove sfide»

Paolo Rotelli: «Il nostro successo? Mettiamo al centro il paziente»

Paolo Rotelli: «La sanità in un’App diventa smart»

Educazione alimentare e cuore: gli impegni della Gruppo San Donato Foundation

Chiedi un consulto