Heberden, noduli di

    reperto tipico dell’osteoartrosi generalizzata primaria, nella sua localizzazione alle mani: si tratta di una tumefazione osteocartilaginea dell’articolazione interfalangea distale, spesso accompagnata (o seguita) da flessione e deviazione laterale dell’ultima falange; dapprima limitata al 2° e 5° dito, diventa multipla e bilaterale. In un terzo dei casi sono interessate anche le interfalangee prossimali (nodi di Bouchard). Spesso i noduli, o nodi, di Heberden si sviluppano gradualmente, senza provocare disturbi specifici. Altre volte possono presentarsi acutamente, con dolore, arrossamento, tumefazione e impotenza funzionale, magari in conseguenza di traumi minori.

    CONDIVIDI