Pressione alta: già a 130 si impenna il rischio di demenza

Rischio di demenza

I risultati di questo lavoro sottolineino ancora una volta l’importanza di tenere sotto controllo i propri livelli di salute quando si arriva alla mezza età. Circa un terzo degli adulti soffre di pressione alta

Gli adulti di mezza età che hanno solo la pressione un po’ più alta rispetto ai valori normali hanno un rischio di sviluppare la demenza del 45 per cento. Scopri qui quali sono i valori normali della pressione

La notizia arriva dall’University College di Londra, che sottolinea che però l’ipertensione deve esserci per un lungo periodo per poter danneggiare il cervello. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica European Heart Journal.

Studi precedenti davano una percentuale molto più bassa 

L’ipertensione arteriosa colpisce, danneggiandoli, diversi organi del nostro organismo. Uno di questi è sicuramente il cervello, dove può portare a deficit cognitivi anche molto seri. Per questo la pressione alta è uno dei fattori di rischio per lo sviluppo della demenza senile: incide al 2%Scopri qui quali sono gli altri fattori di rischio

La ricerca

I ricercatori hanno seguito 8.639 adulti per un periodo di 32 anni. Ogni sei anni veniva misurata la pressione ai partecipanti. L’età partiva dai 50 anni.

Generalmente i farmaci cominciano a essere prescritti quando la pressione alta supera i 140 mmHg.

I risultati

Il nuovo studio però ha dimostrato che già una pressione di 130 a lungo andare può aumentare del 45% le possibilità di sviluppare demenza. Scopri qui quali sono i comportamenti giusti per evitare di soffrire di ipertensione

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Demenza senile: scopri qui se sei a rischio

I 7 errori che non devi commettere quando misuri la pressione

Ecco cosa rischi se soffri di ipertensione

Prendi farmaci contro l’ipertensione? Ascolta la musica

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • Chiedi un consulto di Cardiologia
    CONDIVIDI