Arriva Hannes, la mano robot che si muove come quella vera

Carico il video...

Sarà disponibile dal 2019 e ci sono voluti tre anni di lavoro per Hannes, la super mano bionica che garantisce di far recuperare ai pazienti quasi il 90% della funzionalità dell'arto perso

Il suo nome lo deve al professor Hannes Schmidl, che è stato direttore tecnico del Centro Protesi Inail di Vigorso di Budrio, nel bolognese. È a lui che si deve l’avvio dell’attività di ricerca protesica e la prima protesi mioelettrica Inail-Ceca del 1965.

La nuova protesi è stata messa a punto nel laboratorio Rehab Technologies, creato nel 2013 grazie alla collaborazione tra l’Istituto Italiano di Tecnologia e l’Inail.

Niente operazione chirurgica

Sono tanti i suoi punti di forza. Innanzitutto non richiede un intervento chirurgico, poi ha una migliore capacità di afferrare gli oggetti, prestazioni più precise e un costo inferiore di circa un terzo rispetto alle mani bioniche disponibili finora.

Si muove come una mano vera

L’intenzione dei ricercatori è far sentire parte integrante del corpo del paziente la mano robotica. Non come qualcosa di estraneo, come avviene con le altre protesi. Particolare attenzione è stata utilizzata per la messa a punto della parte meccanica. Il team di scienziati è stato in grado di realizzare una mano con movimenti naturali e versatili. Il meccanismo alla base del movimento delle dita, della forza e del tipo di presa dipende dal sistema DAGDynamic Adaptive Grasp – che dà alla mano protesica la capacità di afferrare gli oggetti, adattandosi alla loro forma e di resistere alle eventuali sollecitazioni esterne, perseguendo l’obiettivo di replicare la gestualità e la funzionalità dell’arto naturale, utilizzando un singolo motore.

L’opinione del paziente zero

«Hannes si adatta perfettamente all’oggetto che io cerco di afferrare. È questa la principale differenza rispetto a tutte le altre protesi». A parlare è il paziente zero, Marco Zambelli, 64enne di Sant’Agata Bolognese, il primo ad aver provato la nuova mano robotica.

All’uomo era stata amputata la mano destra ad appena 16 anni a causa di un incidente sul lavoro. «Prima – spiega – utilizzavo una protesi solo per funzioni estetiche. Oggi invece sto riprovando la sensazione di utilizzare di nuovo entrambe le mani».

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Mano bionica che restituisce il tatto sperimentata su italiana

Altro che Star Wars: la mano bionica di Skywalker esiste davvero

Ecco l’occhio bionico, un microchip contro la cecità

Il robot che ti fa passare da 40 a 80 anni

 

Chiedi un consulto