Diabete: il pesce ricco di omega-3 protegge la vista

Basta mangiarlo due volte alla settimana per tenere lontano il rischio di retinopata diabetica

Salmone, acciughe, sgombri, tonno, sardine: mangiare pesce grasso almeno due volte alla settimana è un toccasana per tutti, ma chi soffre di diabete ha un motivo in più per farlo.

Gli acidi grassi “buoni” contenuti nel pesce, i cosiddetti acidi grassi polinsaturi a lunga catena (LC-PUFA) della famiglia omega3, sono infatti in grado di proteggere la retina degli occhi evitando una delle complicazioni più comuni e disabilitanti del diabete, la retinopatia, che rischia di portare alla cecità.

E’ quanto dimostra uno studio pubblicato su JAMA Ophthalmology dagli esperti della Lipid Clinic di Barcellona nell’ambito del programma di ricerca PREDIMED, “Prevenzione con la Dieta Mediterranea”.

La ricerca ha coinvolto più di 3.000 spagnoli tra i 55 e gli 80 anni affetti da diabete di tipo 2, per verificare gli effetti sulla salute derivanti da un’alimentazione sana e controllata basata sul modello mediterraneo, ricca anche di olio extravergine di oliva e frutta secca.

Secondo quanto dichiarato nei questionari dagli stessi diabetici, all’inizio dello studio ben tre pazienti su quattro consumavano la dose giornaliera di omega-3 raccomandata per una corretta prevenzione cardiovascolare, pari ad almeno 500 milligrammi al giorno (l’equivalente di due porzioni di pesce grasso alla settimana). A distanza di sei anni, questi pazienti avevano ridotto il rischio di retinopatia diabetica del 48% rispetto ai coetanei che invece consumavano meno pesce stando sotto la dose minima raccomandata.

Il consiglio degli esperti per i diabetici che hanno superato la fatidica soglia degli “anta” è dunque quello di portare in tavola il pesce giusto almeno un paio di volte alla settimana: un metodo facile e gustoso per proteggere la vista, oltre che la salute del cuore e del cervello.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Frutta e diabete: ecco tutto quello che devi sapere

Spegnere il diabete col calore

Olio extravergine d’oliva: un prezioso alleato contro il diabete

Chiedi un consulto di Diabetologia
CONDIVIDI