Malattie dermatologiche

    La pelle eegrave lersquo organo con la superficie pieugrave estesa. Ha funzione protettiva sensoriale secretoria termoregolatrice di assorbimento di permeabiliteagrave ed estetica. Lersquo igiene della pelle e la sua cura nei confronti di cause potenzialmente lesive raggi solari agenti contaminanti detergenti ecc. rappresentano elementi essenziali di prevenzione. Tuttavia la pelle risente anche delle abitudini alimentari voluttuarie lavorative e dellersquo assunzione di farmaci. Inoltre molte malattie di tipo internistico presentano manifestazioni cutanee. Si pueograve dunque affermare che la pelle eegrave lo specchio della nostra salute.

    Approccio al paziente dermatologico
    La comparsa di lesioni cutanee eegrave sempre fonte di particolare allarme per il paziente. Cieograve eegrave dovuto al timore di malattie infettive croniche o tumorali oltre che a preoccupazioni di carattere estetico. Pertanto il paziente va rassicurato rispetto alla non infettiviteagrave di certe patologie e alla prognosi che spesso eegrave assolutamente favorevole. Nell approccio al paziente eegrave sempre importante raccogliere unersquo anamnesi dettagliata sia per la diagnosi sia per la terapia. Bisogna considerare elementi quali la familiariteagrave alcune malattie dermatologiche hanno un substrato ereditario come ad esempio
    psoriasi vitiligine dermatite atopica neurofibromatosi i fattori di rischio i raggi solari provocano cheratosi e sono indiziati come causa di melanomi . Lersquo esposizione a raggi utilizzati nei reparti di radiologia e radioterapia eegrave causa nota di radiodermatite nel personale addetto mentre i raggi ultravioletti usati a scopo estetico sembrano sufficientemente sicuri. Lersquo abuso di alcolici eegrave associato alla comparsa di porfiria lersquo ipercolesterolemia pueograve provocare xantomi cutanei il fumo favorisce la comparsa di rughe le fonti di contagio. Per l orientamento diagnostico eegrave inoltre fondamentale conoscere la durata le caratteristiche iniziali e lersquo evoluzione della lesione la velociteagrave di accrescimento lersquo esposizione a fattori lesivi le abitudini alimentari e voluttuarie la presenza di allergie i luoghi frequentati centri sportivi piscine caserme ostelli le notizie su altre persone possibili fonti di contagio l esistenza di altre malattie coesistenti tutte informazioni preziose che possono talvolta essere decisive.

    Sintomi
    alcune lesioni cutanee sono asintomatiche mentre in altri casi sono accompagnate da sintomi fastidiosi come
    prurito dolore bruciore.

    Segni
    le lesioni elementari cutanee sono classificate sulla base del loro aspetto e del colore. Le lesioni di colorito rosso o roseo sono dette eritematose. Lersquo accumulo di melanina caratterizza le lesioni pigmentate. Le lesioni elementari primarie cioeegrave quelle che si presentano allersquo inizio della malattia sono fondamentali per la classificazione delle malattie cutanee e si suddividono in
    bolla
    cicatrice
    crosta
    escoriazione
    macchia
    papula
    pomfo
    pustola
    ragade
    squama
    ulcera
    vescicola.

    Esami
    biopsia cutanea
    esami del sangue e delle urine
    – esame microscopico del materiale desquamativo
    luce di Wood
    – tampone cutaneo con
    antibiogramma.

    Principali malattie dermatologiche
    Le principali malattie della pelle sono suddivise in

    malattie papulo-squamose
    dermatite atopica
    dermatite da contatto
    dermatite seborroica
    eritrodermia
    eruzione da farmaci
    ittiosi
    lichen ruber planus
    orticaria
    parapsoriasi
    pityriasis rosea
    psoriasi.

    infezioni della pelle da batteri e virus
    acne e foruncolosi
    candidosi
    – celluliti ed
    erisipela
    condilomi
    eritrasma
    impetigine
    mollusco contagioso
    pityriasis versicolor
    tigne
    verruche.

    infestazioni della pelle da parassiti
    leishmaniosi
    pediculosi
    scabbia.

    malattie vescicolo-bollose
    epidermolisi bollosa
    eritema multiforme
    pemfigo.

    alterazioni della pigmentazione
    vitiligine.

    tumori benigni della pelle
    angiomi
    granuloma piogenico
    nevi.

    tumori maligni della pelle
    epitelioma
    melanoma
    morbo di Kaposi.

    CONDIVIDI