ammonìaca

    gas composto di azoto e idrogeno (NH 3), comunemente impiegato in soluzione acquosa. Ha forte azione tossica. I vapori provocano irritazione dolorosa agli occhi, tosse, vomito. A contatto diretto con la pelle provoca bruciore e corrosione dei tessuti. L’ingestione causa violenti dolori addominali. Il trattamento d’emergenza consiste in lavaggi prolungati con acqua, o in ingestione immediata di aceto, succo di limone o di arancia. Viene usata in soluzione diluita per il trattamento immediato delle punture di insetti. L’ammonìaca è presente in piccole quantità nell’organismo come derivato del metabolismo delle amine biogene e delle proteine. Nell’insufficienza epatica l’ammoniemia aumenta, comportando gravi disturbi neurologici (encefalopatia epatica).

    CONDIVIDI