Reumatismi: ecco tutti i luoghi comuni che sono falsi

Sono tante le convinzioni errate sulle malattie reumatiche. Ecco un elenco che vi aiuterà ad affrontarle nel modo giusto e a non perdere tempo: così potrete stare meglio prima

Le malattie reumatiche

Le malattie reumatiche sono in assoluto le più diffuse: ne soffre circa il 10% della popolazione. Sono patologie croniche e caratterizzate da dolore, rigidità, disabilità di vario grado fino all’invalidità. Tanto per fare qualche esempio l’artrite reumatoide colpisce lo 0,5% della popolazione, l’artrite psoriasica l’1%, la spondilite anchilosante lo 0,3%, il lupus lo 0,1%. Anche il peso sociale ed economico è elevato: le malattie reumatiche sono una delle principali cause di assenza dal lavoro e un paziente in terapia con farmaci biologici può costare ben oltre i 10.000 euro l’anno. (Scopri qui la differenza tra reumatismi, artrite e artrosi).

 

I reumatismi li cura l’ortopedico

Falso. Il medico specialistico è il reumatologo e a lui bisogna fare riferimento.

Bisogna convivere con il dolore

Falso. Specie grazie alla diagnosi precoce si può intervenire con le nuove terapie sull’infiammazione. Combattendo l’infiammazione anche il dolore diminuisce molto.

 

Colpiscono solo le persone anziane

Falso. Le malattie reumatiche sono circa 150. Molte di loro, soprattutto quelle infiammatorie si manifestano quando si è giovani, come ad esempio l’artrite reumatoide.

 

Artrite e artrosi sono la stessa cosa

Falso. L’artrite si manifesta con l’infiammazione articolare caratterizzata da gonfiore, tumefazione, arrossamento, rigidità, aumento della temperatura nell’area colpita e dolori che comportano anche la perdita della capacità motoria delle articolazioni interessate. L‘artrosi, invece, non è una malattia infiammatoria, ma una forma degenerativa cronica. Colpisce soprattutto le persone più avanti con gli anni perché è connessa all’usura delle articolazioni.

L’umidità fa venire i reumatismi

Falso. Anche se l’umidità e la bassa pressione possono favorire l’insorgenza del dolore, non sono la causa delle malattie reumatiche.

 

Scrocchiare le dita può causare l’artrite

Falso. Scrocchiare le dita non c’entra nulla con l’insorgenza dell’artrite (scopri qui cosa succede quando scrocchi le dita)

 

Il sovrappeso non ha impatto sull’artrite

Falso. Anche una modesta perdita di peso può aiutare ad alleviare il dolore causato dall’artrite, in particolare a livello delle ginocchia e dei fianchi, perché alleggerisce il sovraccarico sulle articolazioni.

Ci si cura solo con il cortisone

Falso. Esistono ormai farmaci biologici che curano l’infiammazione, in modo da evitare o ridurre l’uso di cortisone. (Scopri qui cosa sono i farmaci biosimilari per le malattie reumatiche).

La diagnosi si fa solo con la radiografia

Falso. Oltre alla radiografia ora esistono altri esami diagnostici come la TAC, la Risonanza Magnetica e l’Ecografia articolare. Queste metodiche spesso consentono una diagnosi più precoce e quindi terapie più tempestive e appropriate.

Francesco Bianco

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Reumatismi, artrite, artrosi: cosa sono e come si curano

Cipolle, mele e pomodori: i reumatismi si combattono a tavola

Lo yoga fa bene, anche in caso di artrite e artrosi

I gesti giusti con l’artrite reumatoide

Michelangelo ha vinto l’artrosi per dipingere la Cappella Sistina

Chiedi un consulto di Reumatologia
CONDIVIDI