Oculistica

Un intervento corregge lo strabismo

L'operazione per eliminare gli occhi storti dura 20 minuti e dopo due giorni si torna a vedere perfettamente

L'operazione per eliminare gli occhi storti dura 20 minuti e dopo due giorni si torna a vedere perfettamente
Franco Franchi, uno dei più noti strabici del cinema.
Franco Franchi, uno dei più noti strabici del cinema.

L'occhio strabico, ossia deviato all'esterno, all'interno o in verticale, non è certo bello a vedersi, nonostante la leggenda incensi quello di Venere, capace di rendere ancora più avvenente la dea. In più, può danneggiare la vista. Dunque, non è solo per estetica che il difetto va corretto in tempo, durante l'infanzia. «Il riallineamento dei bulbi oculari può avvenire anche solo attraverso la correzione con le lenti, mentre l'uso del bendaggio serve per migliorare la capacità visiva dell'occhio storto», spiega Paolo Nucci, direttore della clinica oculistica universitaria dell'ospedale San Giuseppe di Milano.
In genere, il problema del bambino si accompagna infatti all'ambliopia (vista ridotta in un occhio).
Lo strabismo infantile spesso necessita di un intervento chirurgico. Il bisturi è un'ottima soluzione sia quando lo strabismo è congenito, sia se è provocato dalla paresi dei muscoli oculari (a causa di un trauma cranico, di un tumore o, ancora, di patologie come il diabete). «Nel bambino l'intervento può avvenire anche nei primi 30 mesi di vita, si svolge in anestesia generale e dura circa 20 minuti: il piccolo si sveglia già sbendato, con qualche piccolo fastidio che scompare in un giorno», dice Nucci.
Negli adulti si può operare in anestesia locale, preziosa perché consente la collaborazione del paziente. Per qualche giorno gli occhi sono gonfi e rossi, ma ritornano alla normalità in circa tre settimane. Entro 48 ore si può riprendere ogni attività quotidiana.
A tutte le età è sufficiente solo un intervento, anche se nel 10-15% dei casi è possibile si debba affrontare un ritocco. Negli adulti che soffrono dello strabismo più comune, detto accomodativo, dovuto a una leggera ipermetropia (scorretta messa a fuoco), è possibile intervenire con il laser, correggendo l' ipermetropia.
Susanna Bocconi - OK La salute prima di tutto

Ultimo aggiornamento: 23 novembre 2010

Chiedi un consulto agli oculisti di OK