Vaccini: ecco il numero verde del Ministero della Salute

vaccini arriva numero verde

Chiamando il 1500 dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 16, sarà possibile chiedere chiarimenti e informazioni direttamente ai medici esperti del Ministero

A pochi giorni dalla Circolare emessa dal Ministero della Salute con le prime indicazioni operative a Regioni e Province autonome per l’attuazione del decreto legge prevenzione vaccinale, verrà attivato, a partire da mercoledì 14 giugno 2017, il numero verde di pubblica utilità 1500, disponibile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 16. Chiamando questo centralino, i cittadini potranno chiedere informazioni e chiarimenti sulle novità introdotte dal decreto legge direttamente ai medici esperti del Ministero.

Il decreto legge prevenzione vaccinale

L’obiettivo del provvedimento è di rendere obbligatorie dodici vaccinazioni nei confronti di malattie a rischio epidemico, al fine di raggiungere e mantenere la soglia di copertura vaccinale del 95% (la cosiddetta immunità di gregge), come raccomandato dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Per iscrivere i propri figli a scuola basterà l’autocertificazione, ma con il nuovo decreto i bambini senza uno (o più) dei dodici vaccini non potranno iscriversi ad asilo e materna. Alla scuola elementare potranno iscriversi, ma con l’obbligo di provvedere nel breve tempo alle vaccinazioni mancanti. qui nel dettaglio come cambia l’accesso all’istruzione.  Solo e soltanto per il prossimo anno scolastico, invece, sono previste alcune disposizioni transitorie. La documentazione sulle vaccinazioni va presentata entro il 10 settembre e non al momento dell’iscrizione, come avverrà invece per gli anni a venire.

I bambini che devono recuperare

Per i bambini in ritardo con le vaccinazioni (si stima siano mezzo milione circa), viene sottolineato che c’è un piano di recupero personalizzato. Sarà il medico a decidere il calendario. La valutazione da parte del sanitario dovrà tenere conto di diversi elementi. Primo fra tutti «vaccini e numero di dosi già somministrati, età del minore, numero di dosi necessarie a completare ciascun ciclo a seconda dell’età e della presenza di eventuali condizioni cliniche, intervallo tra le dosi raccomandato in scheda tecnica e tra vaccini diversi, esistenza di prodotti combinati, possibilità di associare nella stessa seduta più vaccini».

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Vaccini, tutti i falsi miti

Calo dei vaccini: primo caso di difterite in Italia

Allarme vaccini: rischio di epidemie di rosolia e morbillo

Bebe Vio contro la meningite: “Vaccinate i vostri bambini”

Chiedi un consulto di Pediatria
CONDIVIDI