Il cane è il migliore “personal trainer” dopo i 65 anni

Il cane è il migliore “personal trainer” dopo i 65 anni

In sua compagnia quasi 3.000 passi in più al giorno

Il cane non è solo il miglior amico dell’uomo. È anche il migliore “personal trainer” degli over-65. Per restare in forma e combattere la sedentarietà, infatti, non c’è niente di meglio che godere della compagnia di un quattro zampe: insieme a lui si compiono quasi 3.000 passi in più ogni giorno. Lo dimostra uno studio britannico pubblicato su BMC Public Health.

L’esperimento

I ricercatori hanno selezionato 43 ultrassessantacinquenni proprietari di cane e 43 coetanei senza animali domestici: la loro attività fisica quotidiana è stata quindi monitorata per tre settimane tra aprile 2013 e novembre 2014. I dati raccolti riguardavano in particolare il tempo trascorso stando in piedi, camminando a passo svelto oppure stando seduti: in quest’ultimo caso si è valutato anche il numero di volte in cui i partecipanti si sono accomodati su sedie e divani e il tempo così trascorso.

Più movimento

«Abbiamo scoperto che gli over-65 proprietari di cani spendono in media 22 minuti in più al giorno camminando, per un totale di 2.760 passi extra rispetto ai coetanei senza cane», spiega al coordinatrice dello studio Philippa Dall, dell’Università di Glasgow. «Nell’arco di una settimana – prosegue la ricercatrice – il tempo extra speso camminando potrebbe essere sufficiente per raggiungere l’obiettivo dei 150 minuti di esercizio fisico vigoroso consigliato dalle raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità».

Meno sedentarietà

I ricercatori hanno inoltre osservato che i proprietari di cani tendono a sedersi con meno frequenza, sebbene il tempo totale trascorso in posizione seduta è equivalente a quello degli over-65 senza cane.

Più longevità

«I nostri risultati indicano che avere un cane può incoraggiare gli anziani a camminare di più», aggiunge la co-autrice dello studio Nancy Gee, del Waltham Centre for Pet Nutrition. «In definitiva, la nostra ricerca aiuterà a capire in che modo un animale domestico può aiutare gli anziani a diventare o restare attivi più a lungo, cosa che può migliorare la loro prospettiva in termini di qualità di vita, mantenimento delle funzioni cognitive e longevità».

Elisa Buson

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il tuo cane è aggressivo? Non lasciarlo sempre da solo

Alimentazione del cane: consigli da seguire, errori da evitare

Dorme bene chi dorme con il suo cane o il suo gatto

Meno ansiosi i bambini che crescono con un cane

Chiedi un consulto di Geriatria
CONDIVIDI