Vaccini: obbligo per iscrizioni a nido e materne

Vaccini obbligo iscrizioni

Iscrizione vietata fino alla fine della scuola materna. Poi multe per le famiglie inadempienti che potranno arrivare a migliaia di euro

Alla fine è arrivato l’ok del Consiglio dei ministri al decreto legge che reintroduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola. L’obbligo di vaccinarsi riguarda i bambini dagli zero ai sei anni. Salgono, inoltre, a dodici i vaccini obbligatori. L’obiettivo è ridurre al minimo nei prossimi mesi e anni la fascia di popolazione non protetta.

Cosa cambia per l’iscrizione dei bambini alle scuole 

Quindi per quanto riguarda la scuola materna sarà impossibile iscrivere il proprio se non è vaccinato.
Per le scuole dell’obbligo, invece, la mancata vaccinazione porterà a una sanzione economica nei confronti dei genitori. È passata quindi la linea del ministro dell’Istruzione Fedeli, che chiedeva di non legare la situazione dei vaccini alla possibilità di frequentare la scuola dell’obbligo, che in Italia parte appunto dalla prima elementare.

I vaccini obbligatori passano da 4 a 12

Vengono inseriti in questa categoria le vaccinazioni considerate facoltative, tra le quali anche l’mprv (morbillo, parotite, rosolia e varicella) e i due contro la meningite, di ceppo B e C. I bambini dovranno averli fatti per poter essere iscritti all’asilo nido e alla scuola materna.

Multe per i genitori inadempienti dopo i 6 anni

Per i genitori dei figli senza vaccinazioni che frequentano la scuola dell’obbligo si è pensato a sanzioni fino a trenta volte più alte di quelle esistenti. In realtà le vecchie sanzioni solo molto raramente venivano applicate e ammontavano a 150 euro per la polio e a 250 per l’epatite. Con la nuova norma si dovrebbe salire a diverse migliaia di euro, ma occorre aspettare i decreti attuativi.

Tra i documenti obbligatori per l’iscrizione fino ai 16 anni anche il libretto vaccinale

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha spiegato che al momento dell’iscrizione presso qualunque istituto, cioè da 0 a 16 anni, bisognerà presentare il libretto vaccinale. Se non si è in regola con le vaccinazioni o si è in lista di attesa, la scuola deve riferirlo all’Asl, che si incaricherà di chiamare la famiglia, intimando la vaccinazione entro un determinato numero di giorni. Se non dovesse procedere scatterebbero le multe molto salate.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Vaccini, tutti i falsi miti

Morbillo: gli Usa inseriscono l’Italia tra i Paesi a rischio

Vaccini, radiazione per i medici che li sconsigliano

Epatiti virali: quali sono, le nuove cure e i vaccini

Chiedi un consulto di Pediatria
CONDIVIDI